Cerca
 
 

Risultati secondo:
 


Rechercher Ricerca avanzata

Chi è in linea
In totale ci sono 2 utenti in linea: 0 Registrati, 0 Nascosti e 2 Ospiti

Nessuno

[ Vedere la lista completa ]


Il numero massimo di utenti online contemporaneamente è stato 85 il Sab 9 Giu 2012 - 10:49
Settembre 2017
LunMarMerGioVenSabDom
    123
45678910
11121314151617
18192021222324
252627282930 

Calendario Calendario

Flusso RSS


Yahoo! 
MSN 
AOL 
Netvibes 
Bloglines 



Info e generalita'..............................

Pagina 2 di 2 Precedente  1, 2

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

Re: Info e generalita'..............................

Messaggio Da mosquito il Mer 31 Ott 2012 - 0:25

el flaquito ha scritto:
mosquito ha scritto:
el flaquito ha scritto:
mosquito ha scritto:
online.. study

Nelle città cubane può capitare di incontrare persone vestite tutte di bianco o di azzurro e bianco che indossano monili, in genere bracciali e collane di perline, che riprendono i colori degli abiti. Così si riconoscono i seguaci della santeria, una religione complessa nata all'epoca della schiavitù.

Le popolazioni africane costrette ad accettare la religione dei conquistadores adattarono il cattolicesimo alle loro credenze, creando così un sincretico dove gli dei yoruba della Nigeria presero il volto dei santi cattolici.
Ecco allora che Yemayà, dea delle acque e della maternità, assume le fattezze di una Madonna cattolica, la Santa Virgin de Regla, vestita di azzurro,mentre Babalù Ayè, dio delle cause disperate, diventa San Lazzaro, e la vigorosa divinità guerriera Changò prende le forme di Santa Barbara. I fedeli vestono i colori delle divinità cui sono devoti e vengono affiliati alla Santerìa dal "santero" o "babalao", il loro sacerdote.Ma prima della cerimonia devono essere battezzati da un prede cattolico:difficile da capire ma incredibilmente affascinante

. I Santeri cubani, vengono considerati potentissimi e richiamono fedeli da molte località del Sud e centro America.

Le cerimonie della Santeria, accompagnate da balli e frenetiche musiche afro-cubane si tengono nella case del Babalao:i tamburri rullano all'impazzata e gli dei Yoruba arrivano attraversando gli oceani e rivelandosi nei fedeli che cadono in stato di trance.

Chi vuole accostarsi al rito deve essere presentato a un Santero:due amici devono garantire per l'iniziando, testimoniare la sua buona fede e il suo desiderio di ricevere il Santo.

Mentre in Brasile e ad Haiti i culti di possessione africani hanno luoghi pubblici e spazi collettivi molto ampli, a Cuba i riti sono privati, si fanno nelle case dei Santeros, in piccoli cortili circondati da mura

.Per prima cosa tre uomini consacrati,guidati dal Santero,cercano per l'iniziando un "Angel de la Guardia":il santo protettore, l'Orishà a cui appartiene.
Si prepara il grande piatto di legno coperto di polvere sacra di erbe, si gettano le piccole noci e le conchiglie e attraverso segni e numeri sacri si scopre il dio a cui l'adepto deve dedicarsi per la vita.


Con la seconda iniziazione si riceve il Cofà,
il vaso segreto della divinazione, e gli emblemi dei Guerrieri.
Si deve restare segregati per tre giorni a casa del Santero, digiunando e in completa astinenza.Si deve dormire su un letto di erbe purificanti raccolte precedentemente durante il plenilunio
.

All'alba del terzo giorno l'adepto si veste di bianco:circondato dai tre padrini e davanti alsole che sorge deve bere una porzione di erbe per Ossain, dio della vegetazione.

Senza il suo aiuto nessuna cerimonia può essere celebrata perchè Ossain detiene il potere delle piante liturgiche e medicinali, detenie l'Axè, la grande magia della natura di cui gli altri dei non possono fare a meno.

La parte più intensa del rito si svolge a occhi bendati:dopo diversi giuramenti di obbedienza, l'adepto, in ginocchio,riceve in bocca il collo ancora palpitante di un gallo sgozzato e offerto in sacrificio e ne deve bere tutto il sangue ,tiepido e dolciastro....Agli occidentali ciò può sembrare eccessivo:eppure il sapore del sangue,come per magia,ci riporta alle nostre origini selvagge.

L'adepto è ancora segnato sulla fronte prima di ricevere gli oggetti sacri degli Orishas:l'effigie di Elegguà, i ferri di ogun e di Changò, il galletto di stagno di Ossain.

Nel vaso di argilla sigillato si mettono cose misteriose, elementi segreti che non si devono mai rilevare. E il patto eterno con il santo, il giuramento di reciproca appartenenza.

In questo articolo,peraltro un minestrone malriuscito fatto da un incompetente,ce' una varieta' di cazzate e imperfezioni enormi....
E' vero che un santero puo' entregar los guerrero,ma se li entrega un babalawo es mucho mejor,una cosa e' un eleggua' de santero,otra el echu del babalawoo,seconda cosa: l'angel de la guardia si adivina preguntando a Orula,solo un babalawo ha tale autorita' e potere,y Orula no se equivoca,sarai sicuro che l'orisha che sale e' il tuo angel de la guardia...
Il Santero non puo' usare il tablero e Orula,quindi puo' determinare el angel de la guardia con los caracoles,ma non ce' sicurezza,e quindi,l'ho gia' scritto in un altro post,se te 'montan en la cabeza el Santo equivocado'...tremenda candela,puedes hasta volverte loko
...
Questo ha fatto un articolo su dei 'sentito dire'....nella hierramentas Chango non centra proprio nulla...
Il Cofa e' la mano e Orula pero' rivolta al femminile,ossia,un maschio riceve la mano e Orula e una femmina el Cofa'....SOLO UN BABALAWOO PUO' ENTREGAR LA MANO E ORULA O IL COFA',questo rimba nell articolo parla di santero....I tre padrini sono tre BABALAWOO,alla fine della cerimonia ne sceglierai 1....
Per quanto riguarda i riti e i cerimoniali sono segreti,in questo caso solo chi ha ricevuto los guerreros y la mano e Orula li puo' sapere,ma si ha l'obbligo di non raccontarli,io non le raccontero' mai neanche sotto tortura....chiunque voglia sapere di cosa si tratta e' giusto che non sappia e sperimenti lui stesso le cerimonie....a questo gli hanno raccontato 2 cazzate e le ha ,messe on line....vedi perche' non bisogna credere troppo alla Rete....e' piena di incompetenti e mistificatori.... No

preciosas delucidazioni.. study

in effetti a sto punto il Cofa' farebbe parte di ,come la chiama,
una prima iniziazione,
e al femminile se entiendo bien..

e esta seconda iniziazione? Question
dovrebbe quindi corrispondere ,anche se per sentito dire e con le imprecisoni del caso,
alla cerimonia finale dell'hacere santo ?

Allora.....La mano e orula e il Cofa' sono la stessa cosa,la stessa cerimonia, LA DIFFERENZA E' CHE L'UOMO RICEVE LA MANO E ORULA E LA DONNA IL COFA'....
Come gia' ho scritto tener los guerreros y la mano o el cofa de Orula sono le condizioni necessarie pa 'hacerse santo' ma non e'che sia obbligatorio farlo,uno se puede quedar con eso y ya....
Per quanto riguarda l'articolo in questione,non ce'nulla che riguardi el hacerse santo,ha fatto commistioni improprie tra guerreros,cofa' etc....

quindi il gallo mozzato..i tre gg di digiuno?
non c'entrano nulla? Question

_________________
"..non dovete esssere egoisti e pensare con la pinguita
dovete pensare il bene del populo cubano.."


i dettagli, gli possiamo lasciare a la fantasia di ognuno ..
avatar
mosquito
Admin

Messaggi : 16287
Data d'iscrizione : 25.04.12
Località : Bollo.gna
Carattere : el VIEJO puttaniere

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Info e generalita'..............................

Messaggio Da el flaquito il Mer 31 Ott 2012 - 0:31

mosquito ha scritto:
el flaquito ha scritto:
mosquito ha scritto:
el flaquito ha scritto:
mosquito ha scritto:
online.. study

Nelle città cubane può capitare di incontrare persone vestite tutte di bianco o di azzurro e bianco che indossano monili, in genere bracciali e collane di perline, che riprendono i colori degli abiti. Così si riconoscono i seguaci della santeria, una religione complessa nata all'epoca della schiavitù.

Le popolazioni africane costrette ad accettare la religione dei conquistadores adattarono il cattolicesimo alle loro credenze, creando così un sincretico dove gli dei yoruba della Nigeria presero il volto dei santi cattolici.
Ecco allora che Yemayà, dea delle acque e della maternità, assume le fattezze di una Madonna cattolica, la Santa Virgin de Regla, vestita di azzurro,mentre Babalù Ayè, dio delle cause disperate, diventa San Lazzaro, e la vigorosa divinità guerriera Changò prende le forme di Santa Barbara. I fedeli vestono i colori delle divinità cui sono devoti e vengono affiliati alla Santerìa dal "santero" o "babalao", il loro sacerdote.Ma prima della cerimonia devono essere battezzati da un prede cattolico:difficile da capire ma incredibilmente affascinante

. I Santeri cubani, vengono considerati potentissimi e richiamono fedeli da molte località del Sud e centro America.

Le cerimonie della Santeria, accompagnate da balli e frenetiche musiche afro-cubane si tengono nella case del Babalao:i tamburri rullano all'impazzata e gli dei Yoruba arrivano attraversando gli oceani e rivelandosi nei fedeli che cadono in stato di trance.

Chi vuole accostarsi al rito deve essere presentato a un Santero:due amici devono garantire per l'iniziando, testimoniare la sua buona fede e il suo desiderio di ricevere il Santo.

Mentre in Brasile e ad Haiti i culti di possessione africani hanno luoghi pubblici e spazi collettivi molto ampli, a Cuba i riti sono privati, si fanno nelle case dei Santeros, in piccoli cortili circondati da mura

.Per prima cosa tre uomini consacrati,guidati dal Santero,cercano per l'iniziando un "Angel de la Guardia":il santo protettore, l'Orishà a cui appartiene.
Si prepara il grande piatto di legno coperto di polvere sacra di erbe, si gettano le piccole noci e le conchiglie e attraverso segni e numeri sacri si scopre il dio a cui l'adepto deve dedicarsi per la vita.


Con la seconda iniziazione si riceve il Cofà,
il vaso segreto della divinazione, e gli emblemi dei Guerrieri.
Si deve restare segregati per tre giorni a casa del Santero, digiunando e in completa astinenza.Si deve dormire su un letto di erbe purificanti raccolte precedentemente durante il plenilunio
.

All'alba del terzo giorno l'adepto si veste di bianco:circondato dai tre padrini e davanti alsole che sorge deve bere una porzione di erbe per Ossain, dio della vegetazione.

Senza il suo aiuto nessuna cerimonia può essere celebrata perchè Ossain detiene il potere delle piante liturgiche e medicinali, detenie l'Axè, la grande magia della natura di cui gli altri dei non possono fare a meno.

La parte più intensa del rito si svolge a occhi bendati:dopo diversi giuramenti di obbedienza, l'adepto, in ginocchio,riceve in bocca il collo ancora palpitante di un gallo sgozzato e offerto in sacrificio e ne deve bere tutto il sangue ,tiepido e dolciastro....Agli occidentali ciò può sembrare eccessivo:eppure il sapore del sangue,come per magia,ci riporta alle nostre origini selvagge.

L'adepto è ancora segnato sulla fronte prima di ricevere gli oggetti sacri degli Orishas:l'effigie di Elegguà, i ferri di ogun e di Changò, il galletto di stagno di Ossain.

Nel vaso di argilla sigillato si mettono cose misteriose, elementi segreti che non si devono mai rilevare. E il patto eterno con il santo, il giuramento di reciproca appartenenza.

In questo articolo,peraltro un minestrone malriuscito fatto da un incompetente,ce' una varieta' di cazzate e imperfezioni enormi....
E' vero che un santero puo' entregar los guerrero,ma se li entrega un babalawo es mucho mejor,una cosa e' un eleggua' de santero,otra el echu del babalawoo,seconda cosa: l'angel de la guardia si adivina preguntando a Orula,solo un babalawo ha tale autorita' e potere,y Orula no se equivoca,sarai sicuro che l'orisha che sale e' il tuo angel de la guardia...
Il Santero non puo' usare il tablero e Orula,quindi puo' determinare el angel de la guardia con los caracoles,ma non ce' sicurezza,e quindi,l'ho gia' scritto in un altro post,se te 'montan en la cabeza el Santo equivocado'...tremenda candela,puedes hasta volverte loko
...
Questo ha fatto un articolo su dei 'sentito dire'....nella hierramentas Chango non centra proprio nulla...
Il Cofa e' la mano e Orula pero' rivolta al femminile,ossia,un maschio riceve la mano e Orula e una femmina el Cofa'....SOLO UN BABALAWOO PUO' ENTREGAR LA MANO E ORULA O IL COFA',questo rimba nell articolo parla di santero....I tre padrini sono tre BABALAWOO,alla fine della cerimonia ne sceglierai 1....
Per quanto riguarda i riti e i cerimoniali sono segreti,in questo caso solo chi ha ricevuto los guerreros y la mano e Orula li puo' sapere,ma si ha l'obbligo di non raccontarli,io non le raccontero' mai neanche sotto tortura....chiunque voglia sapere di cosa si tratta e' giusto che non sappia e sperimenti lui stesso le cerimonie....a questo gli hanno raccontato 2 cazzate e le ha ,messe on line....vedi perche' non bisogna credere troppo alla Rete....e' piena di incompetenti e mistificatori.... No

preciosas delucidazioni.. study

in effetti a sto punto il Cofa' farebbe parte di ,come la chiama,
una prima iniziazione,
e al femminile se entiendo bien..

e esta seconda iniziazione? Question
dovrebbe quindi corrispondere ,anche se per sentito dire e con le imprecisoni del caso,
alla cerimonia finale dell'hacere santo ?

Allora.....La mano e orula e il Cofa' sono la stessa cosa,la stessa cerimonia, LA DIFFERENZA E' CHE L'UOMO RICEVE LA MANO E ORULA E LA DONNA IL COFA'....
Come gia' ho scritto tener los guerreros y la mano o el cofa de Orula sono le condizioni necessarie pa 'hacerse santo' ma non e'che sia obbligatorio farlo,uno se puede quedar con eso y ya....
Per quanto riguarda l'articolo in questione,non ce'nulla che riguardi el hacerse santo,ha fatto commistioni improprie tra guerreros,cofa' etc....

quindi il gallo mozzato..i tre gg di digiuno?
non c'entrano nulla? Question

No.... No
avatar
el flaquito

Messaggi : 502
Data d'iscrizione : 17.10.12

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Pagina 2 di 2 Precedente  1, 2

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto


 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum