Cerca
 
 

Risultati secondo:
 


Rechercher Ricerca avanzata

Chi è in linea
In totale ci sono 5 utenti in linea: 0 Registrati, 0 Nascosti e 5 Ospiti :: 1 Motore di ricerca

Nessuno

[ Vedere la lista completa ]


Il numero massimo di utenti online contemporaneamente è stato 85 il Sab 9 Giu 2012 - 10:49
Novembre 2017
LunMarMerGioVenSabDom
  12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
27282930   

Calendario Calendario

Flusso RSS


Yahoo! 
MSN 
AOL 
Netvibes 
Bloglines 



I tamburi bata'......................

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

I tamburi bata'......................

Messaggio Da mosquito il Gio 8 Nov 2012 - 1:46

Il tamburo, per i negri e per i criollos che crescono con essi, è l’alienazione, strappa loro l’anima: quando lo sentono pare loro di stare in cielo. E i suoi ritmi non cambiano poiché furono creati là in Africa e vennero con i negri.
La cosa singolare è che mai li dimenticano: arrivano bambini, passano anni e anni, invecchiano, e poi, quando servono solo come guardiani, li intonano solitari, in un bohio pieno di cenere e scaldandosi alla fiamma che arde davanti a loro, e si ricordano della loro terra, anche prossimi a scendere nella tomba
(Anselmo Suarez y Romero,
poeta cubano).


I tambores batá sono i tre tamburi di origine yoruba usati nei rituali della Santería; essi, si dice, sono stati creati da Changó per accrescere il suo potere e per terrorizzare i nemici. A differenza degli yuka congolesi del Palo Monte, i batá sono strumenti bimembranofoni, con cassa a forma di clessidra, che vengono toccati dal tamborero, "a mano limpia", in entrambe le parti.
Il batá, ricettacolo culturale e battito cardiaco delle genti africane di Cuba, è costruito, così come il Tablero de Ifá usato per la divinazione, con legno di cedro o di caoba. Ha membrana (auó) in cuoio di capra o di cervo. Quella più grande è chiamata enú, ossia bocca, la piccola è la chachá, la culatta del tamburo. Il sistema di tensione delle membrane è assicurato mediante tiranti longitudinali (tina) di cuoio di toro (tina-owo-malú). Il tamburo maggiore, sempre in posizione centrale, è chiamato Iyá (madre), il mediano Itótele o Omelé enkó, e quello più piccolo Kónkolo, Okónkolo ma anche Omelé.
Al loro interno alberga Añá, messaggera degli dei e potenza soprannaturale guerriera, che li difende lottando contro i loro nemici. Da Añá i tamburi yoruba ricevono il loro nome sacro; nella loro dimensione sacra essi sono infatti chiamati aña o añá (probabilmente dalle voci yoruba dza o adzá), mentre il loro nome profano è ilú.
Poiché i batá sono costruiti generalmente copiando altri tambores più vecchi, le loro misure tendono ad essere rituali e inalterabili. Il maggiore, Iyá (o Mayor) è alto 80 cm, ha la bocca maggiore (o Enú) di 32 cm diametro e 97 cm di circonferenza e la bocca minore di 20 cm di diametro e 65 di circonferenza; è inoltre provvisto di una fila di campanelle (Chaworó). Il tambor mediano, Itotelé (o Segundo), è alto 68 cm, ha la bocca maggiore di 25 cm di diametro e 80 cm di circonferenza e la bocca minore di 16 cm di diametro e 58 cm di circonferenza. Il più piccolo, Okónkolo è alto 58 cm, ha la bocca maggiore di 22 cm di diametro e 62 cm di circonferenza e la bocca minore di 17 cm di diametro e 56 cm di circonferenza.

L’apprendistato per il suonatore di tamburi batá avviene attraverso un sistema, che i cubani chiamano di depupilaje e nel quale il discepolo deve assimilare i differenti suoni che i tamburi permettono; ogni oricha ha un suo toque particolare e ogni tamburo possiede un suo proprio modo di essere toccato a seconda dell’oricha interessato. Per esempio, se si suona per Elegguá, il tamburo maggiore, Iyá, che marca il ritmo in modo costante, sostiene una sua cadenza, l’Itótele la sua e l’Okónkolo una sua differente da quella degli altri due; poiché nessuno dei tre tamburi viene "toccato" in modo uguale e poiché ognuno di essi offre suoni diversi per ogni oricha, la ricchezza ritmica che ne consegue è incomparabile e davvero ampia.



_________________
"..non dovete esssere egoisti e pensare con la pinguita
dovete pensare il bene del populo cubano.."


i dettagli, gli possiamo lasciare a la fantasia di ognuno ..
avatar
mosquito
Admin

Messaggi : 16374
Data d'iscrizione : 25.04.12
Località : Bollo.gna
Carattere : el VIEJO puttaniere

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto


 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum