Cerca
 
 

Risultati secondo:
 


Rechercher Ricerca avanzata

Chi è in linea
In totale ci sono 4 utenti in linea: 0 Registrati, 0 Nascosti e 4 Ospiti

Nessuno

[ Vedere la lista completa ]


Il numero massimo di utenti online contemporaneamente è stato 85 il Sab 9 Giu 2012 - 10:49
Dicembre 2017
LunMarMerGioVenSabDom
    123
45678910
11121314151617
18192021222324
25262728293031

Calendario Calendario

Flusso RSS


Yahoo! 
MSN 
AOL 
Netvibes 
Bloglines 



Cuba. Premiato padre Conrado

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

Cuba. Premiato padre Conrado

Messaggio Da arcoiris il Gio 29 Nov 2012 - 18:01




Attivisti della dissidenza interna cubana hanno assegnato al sacerdote José Conrado Rodríguez il premio “Tolerancia Plus” per riconoscere il suo impegno in difesa delle libertà individuali e per il cambiamento della situazione sociopolitica cubana.

Padre Conrado, 60 anni, è una delle figure cattoliche più importanti in questo periodo storico, da sempre critico nei confronti del governo cubano, svolge funzioni di parroco nella Chiesa di Santa Teresita del Niño Jesús, a Santiago de Cuba. «Mi sento molto emozionato. Ogni volta che ricevo un premio penso che abbiano sbagliato persona. Dedico il premio alla famiglia di Oswaldo Payà, che ha sofferto molto, e prometto un impegno sempre maggiore. Cuba ha bisogno di dialogo e di rispetto per le idee differenti. Servono pluralismo, democrazia e diritti umani», ha affermato. Il premio è stato consegnato presso l'abitazione di Antonio Rodiles (da poco scarcerato), all'Avana, sede del progetto indipendente “Estado de Sats”. La blogger Yoani Sánchez e il dissidente Manuel Cuesta Morúa, leader del partito Arco Progresista, hanno condotto la premiazione. «Il premio a Conrado è più che meritato», ha detto Sánchez. «È stato un momento molto emozionante perché eravamo oltre cinquanta persone riunite per festeggiare la liberazione di Rodiles», ha concluso.



Leonardo Padura Fuentes, noto scrittore tradotto anche in Italia, ha rilasciato un'intervista nella quale afferma che a Cuba non esiste un buon giornalismo, ma che le notizie vengono filtrate e riportate secondo le indicazioni governative. L'autore de L'uomo che amava i cani (Marco Tropea), da sempre critico nei confronti del regime, vive a Cuba, ma non manca di fare osservazioni argute in tema di libertà e di condizioni socio - politiche.



Gordiano Lupi


FONTE

_________________
avatar
arcoiris
Admin

Messaggi : 15646
Data d'iscrizione : 25.04.12
Età : 41
Carattere : vieja y desbaratada pero fantasiosa y calientica

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto


 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum