Cerca
 
 

Risultati secondo:
 


Rechercher Ricerca avanzata

Chi è in linea
In totale ci sono 6 utenti in linea: 0 Registrati, 0 Nascosti e 6 Ospiti

Nessuno

[ Vedere la lista completa ]


Il numero massimo di utenti online contemporaneamente è stato 85 il Sab 9 Giu 2012 - 10:49
Novembre 2017
LunMarMerGioVenSabDom
  12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
27282930   

Calendario Calendario

Flusso RSS


Yahoo! 
MSN 
AOL 
Netvibes 
Bloglines 



¿El dinero cae del cielo?

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

¿El dinero cae del cielo?

Messaggio Da arcoiris il Mer 9 Gen 2013 - 9:29



LA HABANA, Cuba, enero, www.cubanet.org -¿Qué haríamos los cubanos si tuviéramos dinero? Esta pregunta nace a partir de que se comienza a transmitir la teleserie de factura nacional “Santa María del Porvenir”. En el pueblito de Santa María del Porvenir, un día “cayó dinero del cielo”. Ese lugar, donde aparentemente el tiempo se detuvo, bien puede ser la Cuba de hoy, detenida en el tiempo, donde se sobrevive a base de supuestos milagros. Aunque en nuestro caso el “milagro” tiene origen conocido: es el petróleo venezolano.

En el pueblo recreado en la teleserie, se comienza a vivir un extraño fervor, que incluye toda índole de conflictos e intrigas entre sus habitantes. Así que cabe la posibilidad de reinterpretar esta puesta en escena de la televisión nacional como una burla o metáfora hacia el actualmente dormido pueblo cubano.

Aquí hay quien sueña con manejar dinero en grandes cantidades. Pero décadas de represión contra la iniciativa privada nos ha coartado el impulso emprendedor. En la memoria del cubano ha quedado grabada la pobreza, la miseria de todo tipo.

No es raro entonces que la transmisión de esta teleserie origine una serie de preguntas. Por ejemplo: ¿de dónde viene el dinero? En nuestras actuales circunstancias, el dinero viene de las remesas. Proviene también del capital humano de médicos y de personal especializado en deportes, que prestan servicios en otros países. Pero el dinero que percibe cada trabajador cubano por el esfuerzo de su trabajo diario es una burla a la dignidad individual.

Se sabe que con los sueldos de 15 o 20 dólares no se puede vivir durante un mes. El dinero está perdido. Para hacer dinero, la mayoría de los cubanos debe lidiar con el “invento”, el robo, las ilegalidades, y aprender a sobrevivir en medio de la corrupción imperante.

No obstante, si algún día los cubanos lográramos amasar enormes cantidades de dinero, la otra pregunta sería: ¿Qué hacer con el dinero? Por desgracia, el cubano está adaptado a vivir solamente en la centrifuga del agobiante día a día, sin vision, planificación, ni estrategias de largo alcance. EL cubano promedio que, milagrosamente logre hacerse de una cantidad signifícativa de dinero seguramente pensará, en primer lugar, en arreglar su hogar y comprar accesorios domésticos. También priorizará adquirir ropa y calzado. Algunos quizás pensarán en crear un negocio propio. Muchos, seguramente tratarán de emigrar a un país cualquiera para trabajar y, con suerte, hacerse de un pequeño o mediano capital, con el que pueda volver a Cuba para reinvertir.

Desde hace mucho tiempo, en Cuba, enriquecerse ha sido mal visto y castigado por el gobierno; el dinero es considerado “pecado” si está en las manos del pueblo.

Sin embargo, esta nueva telenovela nacional nos da una extraña brújula. Nos está diciendo que el dinero milagroso no existe y que, además, el dinero se hace con las capacidades, el esfuerzo y los talentos de las personas. Es un aviso para el despertar.

“Santa María del Porvenir”, supongamos que sin proponérselo, nos envía el mensaje de que es hora de salir de más de 50 años de estancamiento. Aunque el dinero no cae del cielo, podemos ser capaces de transformar nuestras realidades. Y también nos advierte que todo puede ser major, si somos lo suficientemente conscientes y responsables.


TRADUZIONE AUTOMATICA

L'Avana, Cuba, Jan, www.cubanet.org - Cosa faremmo se avessimo i soldi cubani? Questa domanda nasce da soap opera che inizia a trasmettere il progetto di legge nazionale "Santa Maria del Porvenir". Nella frazione di Santa Maria del Porvenir, un giorno "il denaro caduto dal cielo." Quel luogo dove il tempo si fermò a quanto pare, può essere di Cuba di oggi, congelato nel tempo, dove vive essenzialmente su presunti miracoli. Anche se nel nostro caso il "miracolo" ha conosciuto origine: il petrolio venezuelano.

Nel villaggio ricreato nella serie TV, è cominciare a vivere un fervore strano, che comprende tutti i tipi di conflitti e intrighi tra i suoi abitanti. Quindi è possibile reinterpretare questa televisione nazionale messa in scena come uno scherzo o una metafora al popolo cubano attualmente addormentata.

Ecco che sogna di gestire il denaro in grandi quantità. Ma decenni di repressione contro l'iniziativa privata ha ridotto la spinta imprenditoriale. Nella memoria è stata incisa la povertà cubana, la miseria di tutti i tipi.

Non c'è da meravigliarsi che la trasmissione di questa soap opera dato origine ad una serie di domande. Per esempio: dove finiscono i soldi? Nelle nostre circostanze attuali, il denaro proviene da rimesse. Il capitale umano viene anche da medici e specialisti nello sport, in servizio in altri paesi. Ma il denaro ricevuto da ciascun lavoratore lavoro sforzo quotidiano cubano è una presa in giro della dignità individuale.

E 'noto che con gli stipendi dei 15 o $ 20 non si può vivere per un mese. Il denaro è andato perso. Per fare soldi, la maggior parte dei cubani deve fare i conti con l '"invenzione", il furto, illegale, e imparare a sopravvivere in mezzo alla corruzione imperante.

Tuttavia, se si potesse un giorno cubani accumulare enormi quantità di denaro, l'altra domanda è: cosa fare con i soldi? Purtroppo, il cubano è adattato a vivere solo nel giorno paralizzante centrifuga, senza la visione, la pianificazione e le strategie di lungo raggio. Il cubano medio, miracolosamente viene fatto una notevole quantità di denaro sarà sicuramente pensare, in primo luogo, di fissare la vostra casa e l'acquisto di accessori per la casa. Priorità anche l'acquisto di abbigliamento e calzature. Qualcuno potrebbe pensare di avviare un'impresa. Molti sicuramente cercherà di emigrare in un paese per lavorare e, si spera, ottenere un capitale di piccole o medie, con cui può tornare a Cuba per reinvestire.

Per molto tempo, a Cuba, è stato visto di buon occhio ricca e punito dal governo, il denaro è considerato "peccato" se è nelle mani del popolo.

Tuttavia, questa nuova nazionale soap opera ci dà una bussola strano. Stiamo dicendo che non ci sono soldi miracolo e anche il denaro è fatto con l', sforzo competenze e talenti delle persone. E 'un avvertimento per il risveglio.

"Santa Maria del Porvenir", supponiamo che manda inavvertitamente il messaggio che è giunto il momento di uscire di più di 50 anni di stagnazione. Anche se i soldi non cadono dal cielo, potremmo essere in grado di trasformare le nostre realtà. E ci avverte che tutto può essere migliore, se siamo sufficientemente consapevoli e responsabili.

CUBANET

_________________
avatar
arcoiris
Admin

Messaggi : 15646
Data d'iscrizione : 25.04.12
Età : 41
Carattere : vieja y desbaratada pero fantasiosa y calientica

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto


 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum