Cerca
 
 

Risultati secondo:
 


Rechercher Ricerca avanzata

Chi è in linea
In totale ci sono 6 utenti in linea: 0 Registrati, 0 Nascosti e 6 Ospiti

Nessuno

[ Vedere la lista completa ]


Il numero massimo di utenti online contemporaneamente è stato 85 il Sab 9 Giu 2012 - 10:49
Novembre 2017
LunMarMerGioVenSabDom
  12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
27282930   

Calendario Calendario

Flusso RSS


Yahoo! 
MSN 
AOL 
Netvibes 
Bloglines 



La historia de un cable

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

La historia de un cable

Messaggio Da arcoiris il Sab 12 Gen 2013 - 9:57

.... contada por Cubadebate




De niño escuché numerosos cuentos que siempre comenzaban “Había una vez”, o “Erase una vez…” De grande dejaron de gustarme los cuentos, tal vez porque a cada rato me querían “meter un cuento” y “esconderme la bola” con algunas materias o temas que despertaron mi interés. Confieso que siempre he sido un fanático de Cubadebate, y aunque algunos intentos ( y hechos) de censura hayan debilitado un poco mi fe, lo visito diariamente para enterarme sobre qué es lo que Cuba debate.

Entonces, sin divagar más, contemos la historia de un cable desde la perspectiva de Cubadebate, un sitio que define su postura como “Contra el Terrorismo Mediático”. Claro, no se trata de cualquier cable. Es uno que ha costado 70 millones y que mejoraría la conectividad de la isla la bobería de 3 000 veces. La primera referencia concreta me llega desde el artículo “El cable submarino Cuba-Venezuela: resumen de mentiras sobre Internet en el diario La Vanguardia”, del periodista y director de la webtv Cuba Información, José Manzaneda. En el mismo y según sus propias palabras, la periodista cubana Rosa Miriam Elizalde hace una brillante disección de los principales elementos de manipulación del texto de La Vanguardia. Los puntos son:

Cuba no puede conectarse a la malla de fibra óptica submarina por virtud de las leyes injerencistas del bloqueo.
El escaso ancho de banda satelital para todo el país, igual o inferior a un centro de trabajo en otro país, un hotel o un cibercafé, está decidido por los Estados Unidos.
Cuba ha establecido como política el uso social y colectivo de Internet, priorizando las universidades, los centros culturales y de salud, los medios de prensa y los más de 600 Joven Club de Computación.
Los precios de Internet para turistas en Europa son más caros que los de los hoteles de Cuba.
El canal de fibra óptica que conectará Cuba y Venezuela es para Cuba una gran esperanza. Mejorará la calidad de la navegación en la Isla y, con el tiempo, dará la posibilidad de extender el servicio de Internet a los hogares cubanos.

Excelente. Concuerdo en todo con este artículo fechado el 12 de julio de 2007. Quiere decir que desde hace más de cinco años Cuba debate sobre el cablecito. Habla el informático, pero también el doctor, el panadero y el cuentapropista con un familiar cumpliendo misión internacionalista, o simplemente emigrado a otro país. Uno siempre quiere saber de la familia y esta noticia hace soñar con más facilidades de comunicación.

En septiembre Cubadebate vuelve a mencionar muy de pasada el cable, y Rosa Miriam Elizalde deja claro una vez más que Cuba no es enemiga de Internet y que por eso firmó un contrato con Venezuela para tender en próximos años un cable submarino de más de 500 kilómetros desde La Guaira hasta Santiago de Cuba. En realidad son más de mil 600 kilómetros, pero un borrón se le va al mejor escribano.

En octubre Cubadebate se hace eco de una información hecha pública por el Ministerio venezolano de Ciencia, Tecnología e Industrias Intermedias, en la que se da a conocer que el cronograma para el inicio del proyecto de cable submarino entre Venezuela y el Caribe se iniciaría el miércoles 14 de octubre. De acuerdo con la valoración venezolana se trata de una obra estratégica porque aumenta las capacidades del país suramericano en el manejo de tráfico internacional y de aterrizaje de cable en el país.

Según la institución, el cable atravesaría 1 630 kilómetros entre la zona de Camurí, cercana al puerto de La Guaira en el estado de Vargas, y la playa Siboney, a las afueras de Santiago de Cuba, para lo cual se hizo una inversión de 63,4 millones de dólares. El 14 de octubre un artículo titulado “Venezuela comienza hoy instalación del cable de fibra óptica con Cuba” hacía pensar que la cosa marchaba. Se estimaba para 2011 la puesta en funcionamiento del cable.

El día 30 Rogelio Polanco, embajador cubano en Venezuela, decía que Cuba se beneficiaría por el acceso con menos costo a Internet y al servicio de telecomunicaciones. Un día más tarde el vicepresidente de la empresa mixta Telecomunicaciones Gran Caribe S.A., Waldo Reboredo aseguró que la puesta en funcionamiento del cable submarino sería el primer paso en la búsqueda de la independencia en las comunicaciones de la región con respecto a Washington. Según el artículo, que tomaba como fuente a Prensa Latina, “fuentes oficiales” afirmaron que el cable estaría operativo en el primer trimestre de 2011 con el propósito de avanzar hacia la independencia tecnológica latinoamericana. Recuerden, afirmaron.

Ya el 7 de enero de 2010 el cubano de a pie quizás podría sospechar que no todo es color de rosa. Haciéndose eco una vez más de la noticia, Cubadebate citaba las declaraciones hechas a Juventud Rebelde por Ramón Linares Torres, viceministro primero del MIC, quien explicó que:

Si bien fórmulas como el tendido del cable de fibra óptica entre Venezuela y Cuba, como parte de los acuerdos derivados de la Alternativa Bolivariana para los Pueblos de nuestra América (ALBA), cuando entre en funcionamiento proporcionará una mayor calidad en las infocomunicaciones, no significará necesariamente una extensión de las mismas.

Linares Torres no continuó ocupando su cargo a partir de agosto de 2011.

El 27 de mayo de 2010 nos enterábamos de que el barco Ridley Thomas había llegado al puerto de Santiago de Cuba para continuar un sondeo encaminado a definir con exactitud la ruta del cable submarino. El 8 de octubre el viceministro cubano de Informática y Comunicaciones, Alberto Rodríguez anunciaba que comenzaría a funcionar en julio de 2011 con el objetivo de lograr mayores avances y multiplicar la rapidez en la calidad de los servicios de comunicación y se mejoraría el servicio de infocomunicaciones “para enfrentar los desarrollos futuros”.

Alberto Rodríguez no continuó ocupando su cargo a partir de agosto de 2011.

Días más tarde se anunciaba que el tendido del cable comenzaría en enero de 2011. Granma calificó al proyecto de Cuba y Venezuela como “integrador”, debido a su “especialización” y a “los elementos políticos y estratégicos que confluyen en él”. En ese sentido, el diario mencionó factores como las aguas territoriales, el bloqueo económico y comercial que desde el triunfo de la Revolución en 1959 Estados Unidos aplica Cuba y “la necesidad de quebrantar la histórica dependencia de ambos países en la esfera de las telecomunicaciones”.

El 11 de enero se aseguraba que en la ciudad de Santiago de Cuba se creaban las condiciones para recibir el cable y que en la playa santiaguera de Siboney, un grupo de técnicos intensificaba las labores para iniciar la instalación e infraestructura imprescindibles, incluido un centro de comunicaciones.

Un día más tarde, haciendo eco a Granma, el artículo decía textualmente:

Es una noticia que alegra en especial a Cuba y a otros países del Caribe y de Centroamérica que podrían, a partir de mediados de este mismo año, 2011, tener los beneficios de la utilización de ese cable en el sector de las telecomunicaciones, algo imprescindible en el mundo de hoy para un despegue económico y social.

El 18 de enero llegaba la fibra óptica a Venezuela para comenzar su instalación, el 22 se anunciaba el comienzo de la instalación. El 9 de febrero Wilfredo Morales, presidente de la Empresa de Telecomunicaciones Gran Caribe, anunció a Telesur que ya el cable había llegado hasta Santiago de Cuba. En el acto de oficialización de la llegada del cable submarino se encontraban el Comandante de la Revolución Ramiro Valdés Menéndez, Vicepresidente de los Consejos de Estado y de Ministros, Medardo Díaz, Ministro cubano de Informática y Comunicaciones y Manuel Fernández, Viceministro de Telecomunicaciones de la República Bolivariana de Venezuela.

El 8 de abril Rosa Miriam Elizalde responde a la siguiente pregunta (entre otras)

-Cuba ha sido blanco de esa política estadounidense de cara a internet ¿cómo mirar a la Revolución cubana ante la ciberguerra que se le hace?

Aquí un fragmento de su respuesta:

Cuba ha dado un paso muy esperanzador para el futuro de la Internet cubana: el cable submarino que nos une con Venezuela. Sabemos que el cable no es la solución mágica a nuestros problemas de conectividad, pero sí que mejorará las comunicaciones y que, al beneficiar a muchos, se cumplirá también en nuestro caso la regla consabida de que los valores en red se fortalecen.

Finito. Desde el 8 de abril de 2011, hace casi 21 meses, Cubadebate no habla de lo que realmente Cuba debate. ¿Donde está el cable? Sin embargo (y ojalá que un día sin bloqueo), algo se sabe. El 26 de mayo de 2012 Silvio Rodríguez, uno de los máximos exponentes de la Nueva Trova en Cuba, reproducía en su blog una entrada titulada “Cable óptico Venezuela-Cuba: ‘operativo’ pero no funciona”. En los subtítulos se puede leer: Estaba supuesto a multiplicar por 3 000 la velocidad de Internet en la Isla, pero de momento nadie en Cuba se ha dado cuenta.

El jueves 24 de mayo, el ministro venezolano de Ciencia, Jorge Arreaza, les había dicho a periodistas extranjeros en una conferencia de prensa efectuada en la sede del Ministerio de Ciencia, Tecnología e Innovación en Caracas, que el esperado cable submarino de fibra óptica que llevará Internet de alta velocidad a Cuba ya está operativo.

Dependerá del gobierno de Cuba para qué lo utiliza, ¿no? Por supuesto eso es un asunto soberano de ellos, pero sí sabemos que está en plena operación el cable submarino.

El ministro dio más detalles agregando:

Firmamos hace pocos meses todos los protocolos restantes, todas las medidas de seguridad necesarios con el gobierno de Cuba.

¿Cuántos medios en Cuba replicaron la noticia? Consultemos al oráculo de Google, quien rápidamente nos dirá que ningún medio oficial se hizo eco de la noticia. Seguro que el tema no es importante para los cubanos, por eso es que en cualquier huequito del .cu la gente aprovechó para meter la noticia, pero nunca hubo una noticia oficial.

Y yo, mirando desde adentro, me pregunto ¿para qué quiere Internet el cubano y por qué le preocupa tanto el cable?

Anteriormente mencionaba la necesidad imperiosa que tenemos de comunicarnos con nuestros semejantes. Aunque mucha gente mala en todo el mundo quiere hacerle cosas malas a Cuba, también hay mucha gente buena en Cuba con familiares por todo el mundo. Para nadie es un secreto que las tarifas de acceso a Internet en los lugares habilitados al efecto en Cuba, podrán ser más baratas que en Europa, pero aún así son demasiado caras para el pobre y agujereado bolsillo nacional. Aunque el que más o el que menos tiene un pariente “afuera”, como podría parafrasear Adalberto, no todos los de “afuera” tienen muchas posibilidades para enviar dinero a los de “adentro”, pero así y todo, siguen siendo familia.

En Cuba hemos formado a decenas de miles de personas en temas relacionados con la informática, desde los bebés que ya en el círculo pueden ver una computadora, hasta los ingenieros de la UCI pasando por los cursos de Joven Club. Todos en algún momento han oído hablar de Internet, incluso algunos han podido saborear su aguamiel de alguna manera, pero seamos claros, el mayor porciento de la población en Cuba solo tiene idea de qué pudiera ser Internet gracias a las series de TV. Esa amplia mayoría piensa en ella como un Santo Grial que todo lo sabe y que nunca se equivoca, aunque la práctica demuestra que esa visión no se acerca a la dura y cruel realidad.

El cable preocupa porque mucho se habló y ahora tal parece que se hundió. Las bolas corren y ya se sabe que las bolas nunca son la mejor opción para estar informados de algo, mucho menos sobre Cuba. Yo personalmente prefiero leer las cosas en Granma o Juventud Rebelde, me siento más tranquilo.

Y aunque Francisco Rodríguez, Jefe de información del semanario Trabajadores, convocó hace bastante a los blogueros que participaron en un encuentro de blogueros en Cuba, a tratar entre todos “de encontrar el cable submarino de fibra óptica, muy pocos se unen a la “tarea”. Mientras tanto, como dije una vez, ¿quién me tira un cable?

Por todas las razones arriba expuestas, tengo algunas preguntas, dudas que me vienen a la mente al leer Cubadebate y sobre los que TODA Cuba DEBATE:

Sí el cable ha costado casi 70 millones
Si mejoraría la conectividad 3000 veces
Si Cuba no puede conectarse a la malla de fibra óptica submarina por virtud de las leyes injerencistas del bloqueo.
Si Cuba ha establecido como política el uso social y colectivo de Internet, priorizando las universidades, los centros culturales y de salud, los medios de prensa y los más de 600 Joven Club de Computación.
Si el canal de fibra óptica que conectará Cuba y Venezuela es para Cuba una gran esperanza. Mejorará la calidad de la navegación en la Isla y, con el tiempo, dará la posibilidad de extender el servicio de Internet a los hogares cubanos.
Si el cable hace soñar con más facilidades de comunicación.
Si Cuba no es enemiga de Internet
Si el cable es una obra estratégica que beneficiaria a Cuba con el acceso con menos costo a Internet y al servicio de telecomunicaciones.
Si es el primer paso en la búsqueda de la independencia en las comunicaciones de la región con respecto a Washington.
Si “fuentes oficiales” afirmaron que el cable estaría operativo en el primer trimestre de 2011 para enfrentar los desarrollos futuros.
Si este proyecto es integrador, debido a su especialización y a los elementos políticos y estratégicos que confluyen en él.
Si sus beneficios permitirán algo imprescindible en el mundo de hoy para un despegue económico y social.
Si el 9 de febrero de 2011 el cable había llegado hasta Santiago de Cuba.
Si Cuba ha dado un paso muy esperanzador para el futuro de la Internet cubana: el cable submarino que nos une con Venezuela

¿Por qué Cubadebate nunca más ha mencionado el cable?
¿Por qué los revolucionarios cubanos debemos escuchar los chismes de corrupción y malos manejos que nos llegan a través de la contrarrevolución sin tener argumentos para rebatirlos?
¿Cuando nos enteraremos por “fuentes oficiales” que ha pasado?

Recuerden, el cable tiene una vida útil de 25 años. El tiempo corre.


TRADUZIONE AUTOMATICA


Da bambino ho sentito molte storie che cominciavano sempre "C'era una volta" o "C'era una volta ..." Da fermato simpatia grandi storie, forse perché per tutto il tempo che volevo "avere una storia" e "nascondere la palla" con un po ' soggetti o gli argomenti che ha suscitato il mio interesse. Confesso che sono sempre stato un fan di Cubadebate, e anche se alcuni tentativi (e fatti) di censura hanno indebolito un po 'della mia fede, la mia visita al giorno per conoscere ciò che Cuba dibattito.

Così, senza ulteriori escursioni, raccontano la storia di un cavo dal punto di vista di Cubadebate, un sito che ha definito la sua posizione di "contro il terrorismo dei media." Certo che no, un qualsiasi cavo. E 'uno che è costato 70 milioni e potrebbe migliorare la connettività delle sciocchezze dell'isola circa 3000 volte. Il primo riferimento specifico mi da l'articolo "Il cavo sottomarino tra Cuba e Venezuela: sintesi su Internet si trova sul quotidiano La Vanguardia", giornalista e direttore delle Informazioni webtv Cuba, José Manzaneda. Nello stesso e secondo le sue stesse parole, il giornalista cubana Rosa Miriam Elizalde fa una dissezione brillante dei principali elementi del testo manipolazione La Vanguardia. I punti sono:

Cuba non può collegarsi alla rete in fibra ottica sottomarina in virtù delle leggi del blocco interventista.
La larghezza di banda piccolo satellite per tutto il paese, superando un posto di lavoro in un altro paese, un albergo o un Internet café, è determinata dagli Stati Uniti.
Cuba ha stabilito una politica di uso sociale e collettivo di Internet, università priorità, centri culturali e sanitari, i media e più di 600 club informatici giovanili.
Prezzi Internet per i turisti in Europa sono più costosi rispetto agli alberghi a Cuba.
Il canale in fibra ottica che collega Cuba e Venezuela a Cuba è una grande speranza. Migliorare la qualità della navigazione sull'isola e, nel tempo, data la possibilità di estendere il servizio di Internet nelle case cubani.

Eccellente. Sono d'accordo con questo articolo intera del 12 luglio 2007. Ciò significa che, per più di cinque anni cablecito dibattito Cuba. Pronunciare il computer, ma anche il medico, il fornaio e lavoratori autonomi con una missione internazionalista famiglia appagante, o semplicemente migrati in un altro paese. Si vuole sempre conoscere la famiglia e questa notizia fa sognare di più mezzi di comunicazione.

Nel mese di settembre Cubadebate ancora molto menzionare brevemente la cavo, e Rosa Miriam chiarisce ancora una volta che Cuba non è il nemico di Internet e quindi firmato con il Venezuela nei prossimi anni per costruire un cavo sottomarino di oltre 500 chilometri da La Guaira a Santiago de Cuba. In realtà ci sono più di 600 mila chilometri, ma una sfocatura va al più alto scriba.

Nelle informazioni ottobre Cubadebate echi rilasciato dal Ministero venezuelano della Scienza, Tecnologia e Industria intermedio, che ha comunicato che il calendario per l'avvio del progetto di cavo sottomarino tra Venezuela e Caraibi avrebbe avuto inizio il Mercoledì 14 ottobre. In base alla valutazione del Venezuela è un sito strategico perché aumenta la capacità del paese sudamericano nella gestione del traffico internazionale e l'atterraggio del cavo nel paese.

Secondo l'istituzione, il cavo di traslazione 1630 miglia tra Camuri zona, nei pressi del porto di La Guaira, nello stato di Vargas, e Siboney spiaggia, alla periferia di Santiago de Cuba, per la quale ha fatto un investimento di 63 , $ 4 milioni. Il 14 ottobre, un articolo intitolato "Il Venezuela oggi inizia l'installazione di cavi in ​​fibra ottica a Cuba" a pensare che la cosa stava andando. È stato stimato nel 2011 il funzionamento del cavo.

Giorno 30 Rogelio Polanco, ambasciatore cubano in Venezuela, ha detto che Cuba avrebbe beneficiare di un accesso meno costo a Internet e servizi di telecomunicazione. Il giorno dopo il vice presidente della joint venture Telecomunicaciones Gran Caribe SA, Waldo Reboredo ha detto che la messa in esercizio del cavo sottomarino sarebbe il primo passo verso la ricerca di indipendenza nelle comunicazioni della regione in materia di Washington. Secondo l'articolo, prendendo come fonte di Prensa Latina, "fonti ufficiali", ha detto il cavo potrebbe essere operativo nel primo trimestre del 2011 con l'obiettivo di muoversi verso l'indipendenza tecnologica in America Latina. Ricordate, hanno detto.

Già il 7 gennaio 2010 il cubano medio il sospetto che forse non tutto è roseo. Riprendendo ancora una volta la notizia, citando dichiarazioni Cubadebate di Juventud Rebelde da Ramon Linares Torres, primo vice MIC, che ha spiegato che:

Mentre formule come la posa di cavi in ​​fibra ottica tra il Venezuela e Cuba, come parte degli accordi raggiunti l'Alternativa Bolivariana per i Popoli della Nostra America (ALBA), quando è in funzione di fornire una maggiore qualità nelle informazioni, vorrà dire necessariamente una sua estensione.

Linares Torres non rimangono in carica dal mese di agosto 2011.

Il 27 maggio 2010 abbiamo appreso che la nave era arrivato Thomas Ridley porto di Santiago de Cuba per continuare uno studio volto a definire l'esatto percorso del cavo sottomarino. L'8 ottobre, Vice Ministro cubano di Informatica e Comunicazioni, Alberto Rodriguez ha annunciato che inizierà a funzionare nel luglio 2011, al fine di compiere ulteriori progressi e si moltiplicano rapidamente della qualità dei servizi di comunicazione e di migliorare il servizio Infocomm " per far fronte agli sviluppi futuri. "

Alberto Rodriguez non rimangono in carica dal mese di agosto 2011.

Giorni dopo è stato annunciato che il passaggio dei cavi inizierà nel gennaio 2011. Granma ha descritto il progetto come Cuba e Venezuela "integratore", a causa della sua "competenza" e "elementi politici e strategici che lo forma." In questo senso, il documento di cui fattori come le acque territoriali, le parti economiche e commerciali dal trionfo della Rivoluzione nel 1959, Cuba e gli Stati Uniti si applica il "bisogno di rompere la dipendenza storica dei due paesi nel settore delle telecomunicazioni" .

In data 11 gennaio è stato assicurato che nella città di Santiago de Cuba è la creazione delle condizioni per ricevere il cavo e di Santiago de Siboney spiaggia, un gruppo di tecnici intensificato il lavoro per avviare l'installazione e le infrastrutture essenziali, tra cui un centro comunicazioni.

Il giorno dopo, facendo eco articolo Granma ha detto testualmente:

E 'una storia che particolarmente lieto di Cuba e altri Caraibi e Centro America, che potrebbe, a partire dalla metà di questo anno, 2011, sono i vantaggi di usare questo cavo nel settore delle telecomunicazioni, che è essenziale in il mondo di oggi per il progresso economico e sociale.

Il 18 gennaio, la fibra è venuto in Venezuela per avviare l'installazione, 22 annunciando l'avvio dell'installazione. Il 9 febbraio, Wilfredo Morales, presidente della Compagnia delle telecomunicazioni Gran Caribe, Telesur ha annunciato che, poiché il cavo aveva raggiunto Santiago de Cuba. Nell'atto di formalizzare l'arrivo del cavo sottomarino sono stati il ​​Comandante della Rivoluzione Ramiro Valdés Menéndez, vicepresidente dei Consigli di Stato e dei Ministri, Medardo Diaz, ministro cubano di Informatica e Comunicazione e Manuel Fernandez, Vice Ministro delle Telecomunicazioni Repubblica Bolivariana del Venezuela.

L'8 aprile, Rosa Miriam ha risposto alla seguente domanda (tra gli altri)

-Cuba è stato l'obiettivo della politica degli Stati Uniti di fronte a Internet Watch come la Rivoluzione cubana alla guerra cibernetica che si fa?

Ecco un estratto della sua risposta:

Cuba ha fatto un passo molto incoraggiante per il futuro di Internet cubano: cavo sottomarino che ci collega con il Venezuela. Sappiamo che il cavo non è la soluzione magica ai nostri problemi di connettività, ma migliorerà le comunicazioni e, a beneficio di molti, si compirà nel nostro caso anche la ben nota regola che i valori di rete sono rafforzati.

Finito. Dal 8 aprile 2011, quasi 21 mesi fa, Cubadebate veramente parlare di ciò che Cuba dibattito. Dove si trova il cavo? Tuttavia (e spera un giorno senza bloccare), una cosa è nota. Il 26 Maggio 2012 Silvio Rodriguez, uno degli esponenti di punta della Nueva Trova, a Cuba, riprodotto sul suo blog una voce dal titolo "cavo ottico Venezuela-Cuba:. 'Funzionamento', ma non funziona" Nel sottotitolo si legge: avrei dovuto moltiplicare per 3000 Velocità Internet sull'isola, ma finora nessuno a Cuba ha realizzato.

Giovedi '24 maggio, il ministro venezuelano della Scienza, Jorge Arreaza, aveva detto a giornalisti stranieri in una conferenza stampa tenuta presso la sede del Ministero della Scienza, Tecnologia e Innovazione a Caracas, l'atteso cavo ottico sottomarino in fibra di portare Internet ad alta velocità Cuba è già operativo.

Dipende dal governo di Cuba di usare, giusto? Naturalmente questo è un problema sovrano di loro, ma sappiamo che è in cavo sottomarino pieno funzionamento.

Ministro elaborata aggiungendo:

Abbiamo firmato qualche mese fa tutti i protocolli rimanenti, tutte le misure di sicurezza richieste dal governo di Cuba.

In quanti modi replicato la notizia a Cuba? Contattare l'oracolo di Google, che rapidamente ci dicono che i media ufficiali eco la notizia. Sicuramente il problema non è importante per i cubani, perché è che qualsiasi del foro piccolo. Persone Cu colto l'occasione per ricevere le notizie, ma non c'è mai stata una comunicazione ufficiale.

E io, guardando da dentro, mi chiedo perché il cubano vuole Internet e perché così preoccupati per il cavo?

In precedenza menzionato l'urgenza per noi di comunicare con i nostri simili. Anche se molte persone cattive nel mondo vuole fare cose cattive a Cuba, ci sono molte persone buone a Cuba con i parenti in tutto il mondo. Non è un segreto che i diritti di accesso a Internet nei luoghi previsti a questo scopo a Cuba, può essere più conveniente che in Europa, ma sono ancora troppo costosi per la tasca poveri e annoiato nazionale. Anche se più o meno hanno un parente che "fuori", come Adalberto potrebbe parafrasare, non tutti gli "esterni" è molto probabile che inviare denaro al "dentro", ma ciò nonostante, ancora famiglia.

A Cuba abbiamo addestrato decine di migliaia di persone in computer argomenti legati dai bambini già nel cerchio può vedere un computer fino a quando i tecnici UCI attraverso Youth Club corsi. Tutti a un certo punto hanno sentito parlare di Internet, alcuni hanno anche potuto assaggiare il suo idromele, in qualche modo, ma cerchiamo di essere chiari, la più alta percentuale della popolazione a Cuba ha solo la minima idea di quello che potrebbe essere Internet grazie alla serie TV. Che grande maggioranza pensare ad esso come un Santo Graal onnisciente e non sbaglia mai, ma la pratica dimostra che questa visione non è la realtà dura e crudele.

Il cavo in questione, perché molto è stato detto e ora sembra che affondò. Le sfere sono e sappiamo che le palline non sono mai la soluzione migliore per essere informati di nulla, tanto meno su Cuba. Io personalmente preferisco leggere le cose in Granma e Juventud Rebelde, mi sento più tranquillo.

E mentre Francisco Rodriguez, Chief Information settimanale Trabajadores, ha chiesto un bel po 'i blogger che hanno partecipato a un incontro di blogger a Cuba, per cercare insieme "per trovare l'ottica cavo sottomarino in fibra, pochi aderire al" compito ". Nel frattempo, come ho detto una volta, che mi lancia un cavo?

Per tutti questi motivi, ho alcune domande, domande che vengono in mente durante la lettura Cubadebate e su cui Cuba ALL DIBATTITO:

Se il cavo è costato quasi 70 milioni
Se la connettività migliorare le 3000 volte
Se Cuba non può collegarsi alla rete in fibra ottica sottomarina in virtù delle leggi del blocco interventista.
Se Cuba ha stabilito una politica di uso sociale e collettivo di Internet, dare la priorità università, centri culturali e sanitari, i media e più di 600 club informatici giovanili.
Se il canale in fibra che collega Cuba e Venezuela a Cuba è una grande speranza. Migliorare la qualità della navigazione sull'isola e, nel tempo, data la possibilità di estendere il servizio di Internet nelle case cubani.
Se il cavo rende strumenti di comunicazione più sognare.
Se Cuba non è il nemico di Internet
Se il cavo è un'opera strategica che potrebbero trarre beneficio Cuba con accesso costo meno a Internet e servizi di telecomunicazione.
Se questo è il primo passo nella ricerca di indipendenza nelle comunicazioni della regione in materia di Washington.
Se "fonti ufficiali", ha detto il cavo potrebbe essere operativo nel primo trimestre del 2011 ad affrontare gli sviluppi futuri.
Se questo progetto è comprensivo, per la loro competenza e gli elementi politici e strategici che lo forma.
Se i benefici consentono un must nel mondo di oggi per il progresso economico e sociale.
Se il 9 febbraio 2011 il cavo aveva raggiunto Santiago de Cuba.
Se Cuba ha fatto un passo molto promettente per il futuro di Internet cubano: cavo sottomarino che collega noi con il Venezuela

Perché mai Cubadebate menzionato il cavo?
Perché rivoluzionari cubani devono ascoltare pettegolezzi di corruzione e la cattiva gestione che passano attraverso senza argomenti contatore di confutare?
Quando impareremo da "fonti ufficiali" che è successo?

Ricordate, il cavo ha una durata di 25 anni. Il tempo stringe.

DESDE ADENTRO CUBA

_________________
avatar
arcoiris
Admin

Messaggi : 15646
Data d'iscrizione : 25.04.12
Età : 41
Carattere : vieja y desbaratada pero fantasiosa y calientica

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: La historia de un cable

Messaggio Da arcoiris il Sab 12 Gen 2013 - 10:25

Cuba: dov'è finita la promessa di un'Internet superveloce?

“Il cablaggio ha una vita utile di 25 anni. Il tempo vola.” Così apre il post [es, come gli altri link] dedicato al tema della connettività nell'isola, su “Desde adentro de Cuba” (”Cuba dall'interno”), un blog che include articoli pubblicati sulle testate locali online, e in particolare quelli riportati sul portale web di Cubadebate riguardo al destino dei 70 milioni di dollari investiti dal 2007 per migliorare l'accesso a internet e “l'attuale velocità di trasmissione dell'informazione”.

“Cuba discute da 5 anni del cablaggio”, scrive Adrián Jesús Pérez, aggiungendo:
Il tecnico informatico, ma anche il dottore, il panettiere, e il libero professionista, possono parlare con un famigliare che lavora all'estero o che semplicemente è emigrato altrove. La gente vuole poter parlare con i propri famigliari, e questa notizia fa sognare sulla maggiore facilità di comunicazione.


el maggio 2012, oltre anno dopo l'arrivo del cavo a Cuba, il Ministro della Scienza, della Tecnologia e dell'Innovazione del Venezuela, Jorge Arreaza, annunciava che il cablaggio della fibra ottica sarebbe diventato operativo e che avrebbe migliorato la connettività del Venezuela.

Tuttavia, Cuba non vede miglioramenti riguardo la velocità di connessione e neanche un incremento nell'accesso al web.
In un articolo pubblicato nel novembre scorso, Luis Toledo Sande richiama lo stereotipo per cui le Tecnologie dell'Informazione e della Comunicazione hanno stentato ad affermarsi, enfatizzando la mancanza di informazione sull'accesso ad Internet:


Pubblicato su ‘La Joven Cuba' partendo dalle caricature di Gerardo
Hernández Nordelo. (Traduzione: Oh no!!! Era mica quella la nave che
portava il cavo?)


Saltando come una lepre o muovendosi come un topo, il fantasma della demonizzazione della tecnologia ricorda un certo caso, non remoto, in cui - secondo testimoni - un consiglio di alto livello dice che i ricercatori di un centro analizzato erano in un tale stato di povertà ideologica, o erano così sospettosi, che volevano persino avere un computer in cas. Nessun sospetto si è svegliato quando, nei giorni in cui si parlava di installare i cavi a fibra ottica per migliorare la tecnologia dell'informazione del Paese, nessuna voci è corsa ad avvertire altri che non dobbiamo farci illusioni, perché il cavo non avrebbe avuto la capacità sufficiente ad assicurare il servizio Internet nel modo desiderato.
Oggi esso sembra come se nessuno si sia illuso e non perché si diceva che i servizi non erano necessari, ma perché nessuno parlava di cablaggio. Non c'è segretezza, nè segreto, e le ragioni possono essere più che valide, ma abbiamo il diritto di conoscerle.
Da quando si è iniziato a scrivere sul tema, nessuno ha dato l'informazione sperata.


In tal senso Alejandro Ulloa, in un post in cui critica lo stato dei media, la mancanza di informazione e denuncia i casi di corruzione, tra gli altri problemi attualmente presenti nella società cuban, pone la domanda: “Perchè non c'è spiegazione per il cablaggio in Venezuela?”

Intanto, Noelbis Mompié, parla della sua esperienza in una tavola rotonda curata dalla pubblicazione cubana TEMAS che tratta la questione “i social network e i movimenti di Internet”.

Uno dei partecipanti alle discussioni di TEMAS ha fatto riferimento a Internet come a una tecnologia straordinaria, da usare nella miglior maniera possibile, però per Cuba equivale all'importazione, per un momento ho pensato, se ognuno di noi è immerso in una ferrea battaglia per minimizzare le importazioni e pensa così, noi veramente non avremo mai Internet. Può essere questo il vero motivo per cui Internet muore il giorno stesso in cui il cavo a fibra ottica raggiunge le coste Cubane?

Even Yasel Toledo sul blog Mira Joven enfatizza l'inevitabile inclusione della fibra ottica nel parlare comune.

L'uomo mi pose altre domande, molte a dir la verità. Abbiamo persino parlato della fibra ottica, delle defezioni professionali, delle differenze fra le missioni di guerra in Angola e quelle attuali.

globalvoicesonline.org

_________________
avatar
arcoiris
Admin

Messaggi : 15646
Data d'iscrizione : 25.04.12
Età : 41
Carattere : vieja y desbaratada pero fantasiosa y calientica

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto


 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum