Cerca
 
 

Risultati secondo:
 


Rechercher Ricerca avanzata

Chi è in linea
In totale ci sono 4 utenti in linea: 0 Registrati, 0 Nascosti e 4 Ospiti

Nessuno

[ Vedere la lista completa ]


Il numero massimo di utenti online contemporaneamente è stato 85 il Sab 9 Giu 2012 - 10:49
Luglio 2017
LunMarMerGioVenSabDom
     12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930
31      

Calendario Calendario

Flusso RSS


Yahoo! 
MSN 
AOL 
Netvibes 
Bloglines 



Le foto della prigione più grande di Cuba

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

Le foto della prigione più grande di Cuba

Messaggio Da arcoiris il Gio 11 Apr 2013 - 11:32




Sono le prime da 9 anni, mostrano detenuti che seguono corsi e fanno ginnastica, ma ci sono ragioni per credere che la realtà sia molto diversa

Per la prima volta in nove anni il governo di Cuba ha permesso a diversi media internazionali di visitare la più grande prigione di massima sicurezza dell’isola, Combinado del Este, che si trova a circa 10 chilometri a sud-est dell’Havana, la capitale di Cuba. Secondo alcune associazioni che si occupano della difesa dei diritti umani a Cuba, nella prigione di Combinado del Este sarebbero rinchiusi sia detenuti comuni, condannati per crimini violenti e per spaccio di droga, sia prigionieri politici, oppositori del regime di Raul Castro (e prima di Fidel Castro).

L’ultima visita dei media internazionali era stata organizzata nel 2004, e oggi come allora le fotografie scattate dai giornalisti mostrano i detenuti in ottime condizioni mentre seguono corsi di informatica, decorano le celle, fanno lavori di muratura ed esercizi fisici nel prato del carcere. Nel corso degli ultimi anni, tuttavia, molte associazioni e attivisti avevano denunciato le condizioni critiche di vita dei detenuti di Combinado del Este, tra abusi, privazioni e violenze di vario genere. Le fotografie che arrivano da Combinado del Este vanno prese con cautela: come succede in questi casi, sono state scattate dietro autorizzazione e diffuse previo controllo della direzione del carcere.



Una delle testimonianze sulle condizioni di vita del carcere più efficaci era stata diffusa a metà del marzo 2012, quando alcuni detenuti di Combinado del Este avevano girato di nascosto dei video amatoriali per testimoniare le pessime condizioni di vita in cui erano costretti a vivere. Nonostante il rischio di possibili ritorsioni da parte delle autorità carcerarie, i detenuti erano riusciti a far uscire le registrazioni video dal carcere, e 10 video erano stati pubblicati su un canale youtube associato a un gruppo di dissidenti cubani (DerechosHumanosCuba), che facevano riferimento al blog del giornalista dissidente Dania Virgen Garcia, ed erano stati poi ripresi dalle maggiori testate internazionali. I prigionieri si lamentavano della scarsità di cibo, delle celle fatiscenti e sovraffollate, e delle poche ore concesse di esercizio fisico. La CNN aveva sostenuto che non era possibile verificare l’autenticità dei video.

Tra questi video c’era la testimonianza di un detenuto americano, Douglas Moore, condannato per spaccio di droga. Moore raccontava dei soprusi a cui era sottoposto dalle autorità del carcere, soprattutto per il fatto di essere americano: «Sono stato preso di mira. Non potrei nemmeno contare tutte le volte in cui mi sono stati legati mani e piedi, in cui sono stato picchiato senza pietà, derubato dei miei pochissimi averi dalle guardie carcerarie qui a Combinado del Este».



Un’altra testimonianza diretta dal carcere di Combinado del Este risale a due anni prima: il 17 agosto 2010 un prigioniero comune cubano detenuto nella prigione di Combinado del Este, Reynol Vicente Sanchez, scrisse una lettera a Gerardo Hernandez Nordelo, un cittadino cubano rinchiuso in un carcere americano per essere stato ritenuto dalla giustizia americana una spia del regime di Castro. Nella lettera, pubblicata dal blog cubano “Voices Behind the Bars”, Sanchez criticava molto le lamentele che Nordelo e Castro rivolgevano alle autorità americane, per le presunte condizioni carcerarie molto dure a cui Nordelo sarebbe stato sottoposto. Sanchez qualificava queste lamentele come «un gran cinismo del regime castrista, perché in realtà offensive e denigranti sono le condizioni inumane a cui siamo stati sottoposti noi prigionieri cubani per più di mezzo secolo».

Sanchez raccontava qualcosa in più della sua vita a Combinado del Este: «Il regime costringe i suoi prigionieri alla più scarsa alimentazione a cui può essere sottoposto un detenuto. Questa consiste in 30 grammi di riso, e come “piatto forte” della farina di soia mischiata con circa 15 grammi di carne macinata; tra pranzo e cena viene dato anche un uovo, che in realtà è solo un pezzo di tuorlo con dei residui di guscio», oltre che un piccolo quarto di pollo ogni 15 giorni. Sanchez raccontava che in ogni cella – larga 3 metri, lunga 6 metri, e alta 2 metri – arrivavano a essere stipati anche otto detenuti, che vivevano con la presenza costante di insetti molto grandi, ratti e scarafaggi. Concludeva Sanchez: «Viviamo sotto una dittatura terribile che non vuole lasciare il potere. Non basterebbero chilometri di carta per raccontare nel dettaglio quanto i prigionieri cubani soffrano in questa gigantesca prigione».

ilpost.it


FOTO GALLERY IN FONDO ALLA PAGINA; CLICCA QUI

_________________
avatar
arcoiris
Admin

Messaggi : 15643
Data d'iscrizione : 25.04.12
Età : 40
Carattere : vieja y desbaratada pero fantasiosa y calientica

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Le foto della prigione più grande di Cuba

Messaggio Da mosquito il Dom 14 Apr 2013 - 23:12




_________________
"..non dovete esssere egoisti e pensare con la pinguita
dovete pensare il bene del populo cubano.."


i dettagli, gli possiamo lasciare a la fantasia di ognuno ..
avatar
mosquito
Admin

Messaggi : 16271
Data d'iscrizione : 25.04.12
Località : Bollo.gna
Carattere : el VIEJO puttaniere

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Le foto della prigione più grande di Cuba

Messaggio Da mosquito il Dom 14 Apr 2013 - 23:22

http://www.cubanet.org/noticias/breves-destacados/carceles-abiertas-con-presos-ocultos/

Cárceles abiertas con presos ocultos







LA HABANA, Cuba, 12 de abril de 2013,
Augusto César San
Martín Albisturt/ www.cubanet.org.-
Acabo
de recibir una nota de la dama de blanco Sonia Garro Alfonso, desde el centro
penitenciario de mujeres El Guatao. Lo que Sonia narra desmiente el artículo
que apareció el pasado 10 de abril en el periódico Granma, titulado, Cuba
abre sus cárceles a la prensa
.

Hasta el mismo 10 de abril, la dama de blanco fue trasladada a la sala de
penados del Hospital Salvador Allende. Le comunicaron que recibiría tratamiento
de la enfermedad epidérmica que padece. Según el diagnóstico, Garro presenta una
Acinotubacter y un Stafilococus aureaus II con coagulosa positiva. Como el
tratamiento con distintos antibióticos no resultó, creyó posible la mentira.

Sonia Garro fue sacada de la prisión para “abrir las cárceles a la prensa”.
Durante el tiempo de estancia en el hospital no estuvo sujeta a tratamiento
alguno o estudio de la enfermedad que padece Refiere la dama de blanco que otro
grupo de presas que podía causar “inconvenientes” durante la visita de la
prensa, le informaron que sería promovido al régimen de mínima severidad y estas
mujeres fueron trasladadas para la cárcel de Manto Negro. A todas las
regresaron cuando finalizó la visita de la prensa.

“En el técnico de la 5ta. Unidad de la Policía, fui instruida por terrorismo
con causa 09/2012 (que dicho sea de paso esta derogado). En la prisión solo me
dicen que no saben, que mi caso es de interés de la C.I. (contrainteligencia);
en el mismo caso está mi esposo”, escribió en la carta.

La dama de blanco fue arrestada el 18 marzo del 2012. Durante el arresto, le
dispararon una bala de goma en la pierna derecha y la herida supuró durante 4
meses. Según nos comunica, en ocasiones, el impacto le produce dolores agudos
que le impiden caminar.

“Clínicamente no sé qué afectación tengo en la rodilla, porque no he
recibido tratamiento ninguno”, escribió.

Sonia Garro también tiene un quiste en el riñón que le produce infecciones
urinarias, y por esto tampoco recibe tratamiento.

Según el artículo de Granma, en las prisiones se implementa el programa
“Educa a tu hijo”, encaminado a fortalecer los vínculos entre los cautivos y sus
familiares.

La escuela donde estudia la hija de Sonia Garro fue visitada por el oficial
Andy, de la Policía Política. A partir de este momento, Elaine, de 17 años,
comenzó a ser objeto de acoso por parte de la directora de la escuela, por ser
hija de una “contrarrevolucionaria”.

Yamilet Garro, hermana de la dama de blanco, con quien
reside la menor, nos asegura que la muchacha no ha dejado de llorar desde que su
madre está en prisión. Ella nos asegura que Sonia y su hija son muy unidas y
esta separación ha causado serios traumas en las dos.

Las cárceles pueden abrirse durante todo el año a la prensa nacional e
internacional. Pero la verdad, esa que llevamos dentro quienes hemos sufrido
cautiverio político en Cuba, esa verdad nunca será mostrada.

Esposo de Sonia Garro en huelga de hambre

En el Combinado del Este, Ramón Muñoz González (Cocodio) se ha declarado en
huelga de hambre hasta que liberen a su esposa, la opositora Sonia Garro,
informó desde Cuba el diario independiente Primavera Digital.

“Según Cocodio, a la última visita conyugal, Sonia Garro no asistió por
motivos desconocidos”, escribe esta publicación.

Cocodio ha advertido que esta huelga podría ser hasta las últimas
consecuencias.

Sonia Garro y Ramón Muñoz González fueron encarcelados, tras un aparatoso y
violento operativo policial, en marzo del pasado año

_________________
"..non dovete esssere egoisti e pensare con la pinguita
dovete pensare il bene del populo cubano.."


i dettagli, gli possiamo lasciare a la fantasia di ognuno ..
avatar
mosquito
Admin

Messaggi : 16271
Data d'iscrizione : 25.04.12
Località : Bollo.gna
Carattere : el VIEJO puttaniere

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Le foto della prigione più grande di Cuba

Messaggio Da mosquito il Dom 14 Apr 2013 - 23:30



_________________
"..non dovete esssere egoisti e pensare con la pinguita
dovete pensare il bene del populo cubano.."


i dettagli, gli possiamo lasciare a la fantasia di ognuno ..
avatar
mosquito
Admin

Messaggi : 16271
Data d'iscrizione : 25.04.12
Località : Bollo.gna
Carattere : el VIEJO puttaniere

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Le foto della prigione più grande di Cuba

Messaggio Da Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Tornare in alto Andare in basso

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto


 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum