Cerca
 
 

Risultati secondo:
 


Rechercher Ricerca avanzata

Chi è in linea
In totale ci sono 4 utenti in linea: 0 Registrati, 0 Nascosti e 4 Ospiti

Nessuno

[ Vedere la lista completa ]


Il numero massimo di utenti online contemporaneamente è stato 85 il Sab 9 Giu 2012 - 10:49
Dicembre 2017
LunMarMerGioVenSabDom
    123
45678910
11121314151617
18192021222324
25262728293031

Calendario Calendario

Flusso RSS


Yahoo! 
MSN 
AOL 
Netvibes 
Bloglines 



Prima donna most wanted Fbi, Black Panther e vive a Cuba

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

Prima donna most wanted Fbi, Black Panther e vive a Cuba

Messaggio Da arcoiris il Mar 7 Mag 2013 - 9:20


L'Fbi non ha dimenticato e l'ha piazzata tra i dieci criminali piu' ricercati, facendone la prima donna della storia nella lista dei 'most wanted'.

Quarant'anni fa Joanne Chesimard uccise un poliziotto nel New Jersey. Era il 2 maggio del 1973 e la Chesimard, militante dei Black Panther (le Pantere Nere) e del Black Liberation Army, si trovava a bordo di un'automobile con altri complici, quando fu fermata da una pattuglia. L'auto non si fermo' e ne nacque una sparatoria, durante la quale rimase ucciso l'agente Werner Foester.La Chesimard, oggi sessantacinquenne, fu poi arrestata nel 1977 e condannata all'ergastolo, ma due anni piu' tardi riusci' a evadere. Scomparve dalla circolazione, per riapparire nel 1984 a Cuba, dove ottenne asilo e dove, secondo Mike Rinaldi, tenente di polizia del New Jersey, sotto il nome di Assata Shakur 'continua a promuovere l'ideologia del terrorismo'. 'E' una perseguitata politica', disse nel 2005 di lei Fidel Castro, reagendo alle pressioni di Washington per riaverla indietro. Diversa, naturalmente, e' la versione dei federali. , 'E' una terrorista', ha spiegato Aaron Ford, capo del Fbi a Newark, 'che ha ucciso uno dei nostri in una vera e propria esecuzione. Vogliamo far sapere in questo modo che non ci fermeremo finche' non non si trovera' di fronte alla giustizia'. La taglia e' di un milione di dollari, che andra' a chiunque possegga informazioni in grado di condurre alla cattura della donna. Altrettanto offre lo Stato del New Jersey .

_________________
avatar
arcoiris
Admin

Messaggi : 15646
Data d'iscrizione : 25.04.12
Età : 41
Carattere : vieja y desbaratada pero fantasiosa y calientica

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Prima donna most wanted Fbi, Black Panther e vive a Cuba

Messaggio Da mosquito il Mar 7 Mag 2013 - 23:56

pobre Assata Shakur...manco un bel ..dirotta su kuba ..ya no se puede.. Rolling Eyes

http://it.wikipedia.org/wiki/Assata_Shakur


_________________
"..non dovete esssere egoisti e pensare con la pinguita
dovete pensare il bene del populo cubano.."


i dettagli, gli possiamo lasciare a la fantasia di ognuno ..
avatar
mosquito
Admin

Messaggi : 16384
Data d'iscrizione : 25.04.12
Località : Bollo.gna
Carattere : el VIEJO puttaniere

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Prima donna most wanted Fbi, Black Panther e vive a Cuba

Messaggio Da arcoiris il Mer 8 Mag 2013 - 9:05

No entiendo porque solo ahora la pusieron en la lista "MOST WANTED"

_________________
avatar
arcoiris
Admin

Messaggi : 15646
Data d'iscrizione : 25.04.12
Età : 41
Carattere : vieja y desbaratada pero fantasiosa y calientica

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Prima donna most wanted Fbi, Black Panther e vive a Cuba

Messaggio Da mosquito il Gio 9 Mag 2013 - 1:57

arcoiris ha scritto:No entiendo porque solo ahora la pusieron en la lista "MOST WANTED"

si.,anche se la ricercavano gia' da prima..,.eso no se entiende bien... Cool

_________________
"..non dovete esssere egoisti e pensare con la pinguita
dovete pensare il bene del populo cubano.."


i dettagli, gli possiamo lasciare a la fantasia di ognuno ..
avatar
mosquito
Admin

Messaggi : 16384
Data d'iscrizione : 25.04.12
Località : Bollo.gna
Carattere : el VIEJO puttaniere

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Prima donna most wanted Fbi, Black Panther e vive a Cuba

Messaggio Da arcoiris il Gio 9 Mag 2013 - 10:43

pà mi exaltan la noticia, porque ella vive en Cuba
para mi, Posada es mucho peor

_________________
avatar
arcoiris
Admin

Messaggi : 15646
Data d'iscrizione : 25.04.12
Età : 41
Carattere : vieja y desbaratada pero fantasiosa y calientica

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Prima donna most wanted Fbi, Black Panther e vive a Cuba

Messaggio Da mosquito il Gio 9 Mag 2013 - 15:08

arcoiris ha scritto:pà mi exaltan la noticia, porque ella vive en Cuba
para mi, Posada es mucho peor

claroo..por supuesto..Embarassed

_________________
"..non dovete esssere egoisti e pensare con la pinguita
dovete pensare il bene del populo cubano.."


i dettagli, gli possiamo lasciare a la fantasia di ognuno ..
avatar
mosquito
Admin

Messaggi : 16384
Data d'iscrizione : 25.04.12
Località : Bollo.gna
Carattere : el VIEJO puttaniere

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Prima donna most wanted Fbi, Black Panther e vive a Cuba

Messaggio Da arcoiris il Gio 9 Mag 2013 - 17:20

por esto no entiendo ahora todo este lio sobre esta abuelita

_________________
avatar
arcoiris
Admin

Messaggi : 15646
Data d'iscrizione : 25.04.12
Età : 41
Carattere : vieja y desbaratada pero fantasiosa y calientica

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Prima donna most wanted Fbi, Black Panther e vive a Cuba

Messaggio Da mosquito il Ven 10 Mag 2013 - 0:08

http://cafefuerte.com/cuba/noticias-de-cuba/politica/2817-fbi-ofrece-2-millones-por-fugitiva-al-amparo-de-cuba

Las autoridades estadounidenses duplicaron a $2 millones de dólares la recompensa por la captura de Joanne D. Chesimard, una notoria prófuga de la justicia que se encuentra en Cuba desde 1984.

La división del FBI en Nueva Jersey anunció este jueves el aumento del incentivo monetario para intentar traer a Chesimard a territorio norteamericano, justamente cuando se cumplen 40 años del asesinato del policía de carreteras Werner Foerster, ultimado a balazos en una parada rutinaria en una autopista rumbo a Nueva York, el 2 de mayo de 1973.

En mayo del 2005, cuando se le calificó como terrorista doméstica en fuga, el FBI había elevado el precio por su captura a $1 millón de dólares, y colocó su foto en afiches bajo el rótulo de "Wanted" (Se busca), que aparecen en todas las sedes diplomáticas estadounidenses alrededor del mundo, includa la Oficina de Intereses de Estados Unidos (USINT) en La Habana.

"Joanne Chesimard es definitivamente una amenaza para Estados Unidos", dijo Aaron T. Ford, agente especial a cargo de la división del FBI en Newark, durante una conferencia de prensa.

Entre los más buscados

Las autoridades informaron además que su nombre fue colocado en la Lista de los Terroristas Más Buscados, la primera mujer que pasa a formar parte de esa infausta relación delictiva, actualmente con 32 fugitivos.

Chesimard, de 65 años, vive en La Habana con el nombre de Assata Shakur, y ha sido motivo de fricción entre ambos países por décadas. Es la figura más reclamada del grupo de 70 fugitivos que las autoridades norteamericanas dicen que viven como prófugos bajo protección del gobierno cubano.

El coronel Rick Fuentes, Superintendente de la Policía Estatal de Nueva Jersey, afirmó que Chesimard sigue viviendo protegida en Cuba y alardea de su libertad a espaldas de su horrible crimen.

Según Fuentes, Foerster y su compañero detuvieron un vehículo que transportaba a Chesimard y dos cómplices en una autopista de Nueva Jersey, a causa de una luz trasera rota. Cuando los policías se acercaron al coche, se produjo un tiroteo y los dos policías resultaron heridos. Chesimard entonces tomó el arma de Foerster y le disparó dos veces en la cabeza mientras estaba en el suelo.

"Hasta el día de hoy, desde su refugio en Cuba, ha tenido púlpito para predicar y profesar sus creencias", manifestó Fuentes. "Ella ha sido utilizada por el régimen de Castro para saludar a las delegaciones extranjeras que visitan Cuba".

Cadena perpetua

Chesimard fue condenada por el asesinato de Foster y se encontraba cumpliendo una sentencia de cadena perpetua en el momento que se fugó de una prisión de alta seguridad, en noviembre de 1979, y permaneció escondida en una vivienda hasta que pudo escapar de Estados Unidos.

En Cuba se le concedió refugio politico en 1984.

Sus delitos incluyen también asaltos armados y robos en bancos como parte de su militancia en el movimiento de las Panteras Negras y el radical Ejército Negro de Liberación, en la década de 1970.

Conocida también bajo el nombre de Assata Shakur, su perfil delictivo solo era comparable al del negociante Robert Vesco, reclamado por el FBI y fallecido en la isla en el 2007.

Con absoluto respaldo oficial, pudo reunirse en 1985 con su hija Kakuya en Cuba. Allí escribió su libro testimonial Assata: una autobiografía, en 1987, y laboró como redactora en inglés en Radio Habana Cuba.

Su caso ha sido señalado reiteradamente en los informes anuales del Departamento de Estado como una poderosa evidencia para mantener a Cuba en la lista de países patrocinadores del terrorismo.

Según su propio testimonio, fue acogida en Cuba con el beneplácito personal del entonces gobernante Fidel Castro, quien la consideró una luchadora por la igualdad racial en Estados Unidos.

Fidel Castro: "Una mentira infame"

"Quererla presentar como una terrorista es una injusticia, una brutalidad, una mentira infame. Esa señora fue un ejemplo'', dijo Castro en una comparecencia televisiva en el 2005, a raíz de que Washington reanimara los esfuerzos para capturarla.

En sus años de estancia habanera, Chesimard se ha dedicado también a la poesía, estableció relaciones con personalidades del mundo cultural cubano y estrechó lazos con la santería cubana, convirtiéndose en devota de Oyá, deidad yoruba de los ancestros, la guerra y el arcoiris.

En 1997 apareció contando su experiencia en el documental The Eyes of the Rainbow (Los ojos del arcoiris), de la realizadora cubana Gloria Rolando. El filme fue estrenado oficialmente en La Habana durante un evento en la Casa de las Américas, en el 2004, y ha tenido amplia difusión en universidades e instituciones culturales de Estados Unidos.

Su más reciente fotografía conocida se remonta a febrero del 2005 y fue tomada cuando participaba en una actividad de la XIV Feria Internacional del Libro de La Habana. El fotógrafo, que quiso mantenerse en anonimato, la envió a la agencia Nueva Prensa Cubana (NPC), en Miami, que procedió a publicarla en la portada de su revista Enepecé.

A mediados del 2007, reportes de la prensa independiente desde La Habana registraron su dirección en una vivienda del municipio Playa y localizaron un teléfono particular suyo, que luego fue desconectado.

En el 2009, Chesimard escribió una carta al Papa Benedicto XVI explicando su caso luego de enterarse de que la Policía de Nueva Jersey solicitó la ayuda del Sumo Pontífice para que mediara en lograr su extradición.

El FBI de Nueva Jersey dijo que mantiene su compromiso de traer de vuelta a Chesimard a Estados Unidos e instó a cualquier persona con información para que ayude a las autoridades a capturarla. Cualquier información debe ser transmitida por el teléfono 1-800-CALL-FBI.

_________________
"..non dovete esssere egoisti e pensare con la pinguita
dovete pensare il bene del populo cubano.."


i dettagli, gli possiamo lasciare a la fantasia di ognuno ..
avatar
mosquito
Admin

Messaggi : 16384
Data d'iscrizione : 25.04.12
Località : Bollo.gna
Carattere : el VIEJO puttaniere

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Prima donna most wanted Fbi, Black Panther e vive a Cuba

Messaggio Da mosquito il Ven 10 Mag 2013 - 0:12


_________________
"..non dovete esssere egoisti e pensare con la pinguita
dovete pensare il bene del populo cubano.."


i dettagli, gli possiamo lasciare a la fantasia di ognuno ..
avatar
mosquito
Admin

Messaggi : 16384
Data d'iscrizione : 25.04.12
Località : Bollo.gna
Carattere : el VIEJO puttaniere

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Prima donna most wanted Fbi, Black Panther e vive a Cuba

Messaggio Da albertico il Dom 19 Mag 2013 - 21:45

arcoiris ha scritto:pà mi exaltan la noticia, porque ella vive en Cuba
para mi, Posada es mucho peor

Pero no entiendo.
la tipa es o no es una asesina?
y tampoco entiendo porque cuba entonces le otorgò asilo politico
A lo mejor porque era procedente de estados unidos la tierra de la mafia norte americana y del bloqueo asesino y de la ley helms burton?
posada carriles es otro asesino, pero porque defender a una asesina a travez de otro asesino?
avatar
albertico

Messaggi : 3200
Data d'iscrizione : 04.11.12
Località : Vicenza
Carattere : Allergico alle richieste di ayudas y di ricariche singole doppie o triple

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Prima donna most wanted Fbi, Black Panther e vive a Cuba

Messaggio Da arcoiris il Dom 19 Mag 2013 - 23:05

Albertico no quisiera defender una asesina, pero estoy cierta que atrás de todo esto hay algo mas y ademas, personalmente, no creo la versión que publican aquellos de los EEUU


_________________
avatar
arcoiris
Admin

Messaggi : 15646
Data d'iscrizione : 25.04.12
Età : 41
Carattere : vieja y desbaratada pero fantasiosa y calientica

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Prima donna most wanted Fbi, Black Panther e vive a Cuba

Messaggio Da mosquito il Lun 20 Mag 2013 - 0:40

arcoiris ha scritto:Albertico no quisiera defender una asesina, pero estoy cierta que atrás de todo esto hay algo mas y ademas, personalmente, no creo la versión que publican aquellos de los EEUU


beh..mi sa che un policia..probabile che lo abbia matato in gioventu'... Cool
niente di grave pero' se la paragoniamo por ejemplo al nuestro Battisti... Twisted Evil
da li poi los Usa ne hanno fatto un caso politico..

_________________
"..non dovete esssere egoisti e pensare con la pinguita
dovete pensare il bene del populo cubano.."


i dettagli, gli possiamo lasciare a la fantasia di ognuno ..
avatar
mosquito
Admin

Messaggi : 16384
Data d'iscrizione : 25.04.12
Località : Bollo.gna
Carattere : el VIEJO puttaniere

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Prima donna most wanted Fbi, Black Panther e vive a Cuba

Messaggio Da albertico il Mar 21 Mag 2013 - 23:12

arcoiris ha scritto:Albertico no quisiera defender una asesina, pero estoy cierta que atrás de todo esto hay algo mas y ademas, personalmente, no creo la versión que publican aquellos de los EEUU


yo tampoco, no creo a nadie, ni a los yankee ni a los barbudos, los dos mentirosos profesionales
avatar
albertico

Messaggi : 3200
Data d'iscrizione : 04.11.12
Località : Vicenza
Carattere : Allergico alle richieste di ayudas y di ricariche singole doppie o triple

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Prima donna most wanted Fbi, Black Panther e vive a Cuba

Messaggio Da mosquito il Mer 22 Mag 2013 - 7:26

albertico ha scritto:
arcoiris ha scritto:Albertico no quisiera defender una asesina, pero estoy cierta que atrás de todo esto hay algo mas y ademas, personalmente, no creo la versión que publican aquellos de los EEUU


yo tampoco, no creo a nadie, ni a los yankee ni a los barbudos, los dos mentirosos profesionales

...yo no creo ni a..Arcoiris....imaginate.... drunken

_________________
"..non dovete esssere egoisti e pensare con la pinguita
dovete pensare il bene del populo cubano.."


i dettagli, gli possiamo lasciare a la fantasia di ognuno ..
avatar
mosquito
Admin

Messaggi : 16384
Data d'iscrizione : 25.04.12
Località : Bollo.gna
Carattere : el VIEJO puttaniere

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Prima donna most wanted Fbi, Black Panther e vive a Cuba

Messaggio Da arcoiris il Mer 22 Mag 2013 - 8:24

por esto lees solo sitios como caganet y cafeconleche

_________________
avatar
arcoiris
Admin

Messaggi : 15646
Data d'iscrizione : 25.04.12
Età : 41
Carattere : vieja y desbaratada pero fantasiosa y calientica

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Prima donna most wanted Fbi, Black Panther e vive a Cuba

Messaggio Da albertico il Gio 30 Ott 2014 - 8:09

Quasi trenta anni fa dirottò un aereo commerciale a Cuba, puntando a diventare un eroe della rivoluzione ma Fidel lo ha deluso ed ora William Potts ha scelto di tornare in patria, pur sapendo di finire in prigione. L’ex militante delle Black Panthers nel 1984 decise di compiere un eclatante gesto di sfida nei confronti degli Stati Uniti salendo a bordo di un aereo di linea a Newark, New Jersey, con destinazione Miami, Florida, per dirottarlo all’Avana. Usò una pistola per obbligare il pilota ad atterrare sull’isola di Fidel Castro ma una volta compiuto il gesto, la delusione fu grande.

Le autorità cubane, anziché accoglierlo come eroe rivoluzionario, lo condannarono per pirateria facendogli passare i seguenti 13 anni dietro le sbarre. Una volta tornato in libertà Potts si è sposato ed ha avuto due figlie - entrambe emigrate negli Stati Uniti nel 2012 - ed ora, superata la soglia dei 56 anni ha maturato la convinzione di “voler fare solo il padre perché la rivoluzione mi ha deluso”. Da qui la scelta di tornare in patria, con un volo dall’Avana a Miami concluso fra le braccia degli agenti dell’Fbi, che lo hanno subito ammanettato. “Toccare il suolo della mia patria dopo quasi 30 anni è stato emozionante - ha dichiarato l’ex Black Panther ad un sito della Florida - molto è cambiato e voglio capire a fondo cosa è avvenuto”. Riguardo a quanto lo aspetta spera nella “magnanimità del sistema della giustizia”, si dice “pronto a riconoscere il reato commesso” e rinnova la richiesta di perdono indirizzata a Barack Obama in una lettera del 2009. Nella convinzione che “sia venuto il momento di tornare a casa”, lasciandosi alle spalle l’errore di scommettere su una rivoluzione che lo ha deluso, come si evince da quanto afferma: “Vi assicuro che stare per 13 anni in una prigione comunista non è come andare al Club Med”.

_________________
Nadie sabes las vueltas que nos tiene preparadas el destino

Si los Estados Unidos pretenden con estos cambios que Cuba regrese al capitalismo y regrese a ser un Pais servil a los intereses egemonicos de los grupos economicamente mas poderoso de los Estados Unidos, deben estar sonando (Mariela Castro Espin  20 de Diciembre 2014)


Malgrado certi titoli enfatici e scorretti in Italia (ma che fine hanno fatto le scuole e i manuali del buon giornalismo?) l’embargo Usa non è caduto contro Cuba. Tocca al Congresso –a maggioranza repubblicana sia alla Camera che al Senato- eliminarlo, e l’azione del Presidente per ora apre solo la strada.

TITI,
NO TE ESTOY PRESIONANDO SOLO QUE DEBES ESTAR MUY SEGURO DE TOMAR UNA DESICION.
avatar
albertico

Messaggi : 3200
Data d'iscrizione : 04.11.12
Località : Vicenza
Carattere : Allergico alle richieste di ayudas y di ricariche singole doppie o triple

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Prima donna most wanted Fbi, Black Panther e vive a Cuba

Messaggio Da mosquito il Ven 31 Ott 2014 - 1:19

albertico ha scritto:Quasi trenta anni fa dirottò un aereo commerciale a Cuba, puntando a diventare un eroe della rivoluzione ma Fidel lo ha deluso ed ora William Potts ha scelto di tornare in patria, pur sapendo di finire in prigione. L’ex militante delle Black Panthers nel 1984 decise di compiere un eclatante gesto di sfida nei confronti degli Stati Uniti salendo a bordo di un aereo di linea a Newark, New Jersey, con destinazione Miami, Florida, per dirottarlo all’Avana. Usò una pistola per obbligare il pilota ad atterrare sull’isola di Fidel Castro ma una volta compiuto il gesto, la delusione fu grande.  

Le autorità cubane, anziché accoglierlo come eroe rivoluzionario, lo condannarono per pirateria facendogli passare i seguenti 13 anni dietro le sbarre. Una volta tornato in libertà Potts si è sposato ed ha avuto due figlie - entrambe emigrate negli Stati Uniti nel 2012 - ed ora, superata la soglia dei 56 anni ha maturato la convinzione di “voler fare solo il padre perché la rivoluzione mi ha deluso”. Da qui la scelta di tornare in patria, con un volo dall’Avana a Miami concluso fra le braccia degli agenti dell’Fbi, che lo hanno subito ammanettato. “Toccare il suolo della mia patria dopo quasi 30 anni è stato emozionante - ha dichiarato l’ex Black Panther ad un sito della Florida - molto è cambiato e voglio capire a fondo cosa è avvenuto”. Riguardo a quanto lo aspetta spera nella “magnanimità del sistema della giustizia”, si dice “pronto a riconoscere il reato commesso” e rinnova la richiesta di perdono indirizzata a Barack Obama in una lettera del 2009. Nella convinzione che “sia venuto il momento di tornare a casa”, lasciandosi alle spalle l’errore di scommettere su una rivoluzione che lo ha deluso, come si evince da quanto afferma: “Vi assicuro che stare per 13 anni in una prigione comunista non è come andare al Club Med”.

este pero' è Arrow un'altra Pantera Negra(dicen en Usa che ce ne stanno diverse riparate a kuba)
molto sfigata nei suoi calcoli fra l'altro..

avendo due figli che da kuba sono andati pa los estados unidos
ha deciso pure lui di rientrare confidando che i 13 anitos passati al gabbio en la Isla,
gli fossero riconosciuti e quindi scontati dagli Usa che invece,
gli hanno riappioppato 20 anitos mas.......

_________________
"..non dovete esssere egoisti e pensare con la pinguita
dovete pensare il bene del populo cubano.."


i dettagli, gli possiamo lasciare a la fantasia di ognuno ..
avatar
mosquito
Admin

Messaggi : 16384
Data d'iscrizione : 25.04.12
Località : Bollo.gna
Carattere : el VIEJO puttaniere

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Prima donna most wanted Fbi, Black Panther e vive a Cuba

Messaggio Da mosquito il Ven 31 Ott 2014 - 1:58

mosquito ha scritto:
albertico ha scritto:Quasi trenta anni fa dirottò un aereo commerciale a Cuba, puntando a diventare un eroe della rivoluzione ma Fidel lo ha deluso ed ora William Potts ha scelto di tornare in patria, pur sapendo di finire in prigione. L’ex militante delle Black Panthers nel 1984 decise di compiere un eclatante gesto di sfida nei confronti degli Stati Uniti salendo a bordo di un aereo di linea a Newark, New Jersey, con destinazione Miami, Florida, per dirottarlo all’Avana. Usò una pistola per obbligare il pilota ad atterrare sull’isola di Fidel Castro ma una volta compiuto il gesto, la delusione fu grande.  

Le autorità cubane, anziché accoglierlo come eroe rivoluzionario, lo condannarono per pirateria facendogli passare i seguenti 13 anni dietro le sbarre. Una volta tornato in libertà Potts si è sposato ed ha avuto due figlie - entrambe emigrate negli Stati Uniti nel 2012 - ed ora, superata la soglia dei 56 anni ha maturato la convinzione di “voler fare solo il padre perché la rivoluzione mi ha deluso”. Da qui la scelta di tornare in patria, con un volo dall’Avana a Miami concluso fra le braccia degli agenti dell’Fbi, che lo hanno subito ammanettato. “Toccare il suolo della mia patria dopo quasi 30 anni è stato emozionante - ha dichiarato l’ex Black Panther ad un sito della Florida - molto è cambiato e voglio capire a fondo cosa è avvenuto”. Riguardo a quanto lo aspetta spera nella “magnanimità del sistema della giustizia”, si dice “pronto a riconoscere il reato commesso” e rinnova la richiesta di perdono indirizzata a Barack Obama in una lettera del 2009. Nella convinzione che “sia venuto il momento di tornare a casa”, lasciandosi alle spalle l’errore di scommettere su una rivoluzione che lo ha deluso, come si evince da quanto afferma: “Vi assicuro che stare per 13 anni in una prigione comunista non è come andare al Club Med”.

este pero' è Arrow un'altra Pantera Negra(dicen en Usa che ce ne stanno diverse riparate a kuba)
molto sfigata nei suoi calcoli fra l'altro..

avendo due figli che da kuba sono andati pa los estados unidos
ha deciso pure lui di rientrare confidando che i 13 anitos passati al gabbio en la Isla,
gli fossero riconosciuti e quindi scontati dagli Usa che invece,
gli hanno riappioppato 20 anitos mas.......

sigue por aca'! study
http://www.aserequebola.net/t4546-william-pottsovvero-la-pantera-negra-sfigata-prima-riparata-ma-in-carcerea-kuba-e-poi-tornata-negli-usa#35596

_________________
"..non dovete esssere egoisti e pensare con la pinguita
dovete pensare il bene del populo cubano.."


i dettagli, gli possiamo lasciare a la fantasia di ognuno ..
avatar
mosquito
Admin

Messaggi : 16384
Data d'iscrizione : 25.04.12
Località : Bollo.gna
Carattere : el VIEJO puttaniere

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Prima donna most wanted Fbi, Black Panther e vive a Cuba

Messaggio Da Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Tornare in alto Andare in basso

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto


 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum