Cerca
 
 

Risultati secondo:
 


Rechercher Ricerca avanzata

Chi è in linea
In totale ci sono 4 utenti in linea: 1 Registrato, 0 Nascosti e 3 Ospiti

GIANNINI

[ Vedere la lista completa ]


Il numero massimo di utenti online contemporaneamente è stato 85 il Sab 9 Giu 2012 - 10:49
Settembre 2017
LunMarMerGioVenSabDom
    123
45678910
11121314151617
18192021222324
252627282930 

Calendario Calendario

Flusso RSS


Yahoo! 
MSN 
AOL 
Netvibes 
Bloglines 



Molesto reggaeton..

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

Molesto reggaeton..

Messaggio Da mosquito il Dom 28 Giu 2015 - 2:52

By Alexzarla

La musica del vicino è sempre più brutta

Basketball

Al mio vicino di casa piace molto il reggaeton.
Non me l'ha mai confessato personalmente perchè io ho imparato la lezione di non socializzare per nessuna ragione, neanche in punto di morte, con dei vicini, ma lo deduco dal fatto che da circa una settimana lo mette.
Non lo mette così, di passaggio. Lo mette sempre. A palla. È la colonna sonora della sua vita, della mia e di un'altra dozzina di persone che hanno la sciagura di avere una famiglia allegra nel vicinato. Io mi sento fortunato. Vivo a Playa e la mia casa confina con questa gente e per il resto con banche. In altri quartieri la colonna sonora si moltiplica per quanti sono i vicini. Ogni vicino ha bisogno di una colonna sonora per rendere meraviglioso, sensuale, trionfante, il tempo di cottura dei fagioli o il nulla.

Capisco questo solo in parte.
Lo considero un effetto collaterale del vivere qui. In realtà, pensandoci bene, il vero problema non è la musica in sè ma il genere.
Quando vivevo a Vedado avevo un vicino solitario e solo, che in certi fine settimana metteva dei boleri strazianti e li cantava ubriaco. Mi piaceva. Era nata una certa intimità tra noi. Lui cantava e il giorno dopo ci salutavamo con stima fuori dalla porta.
Lui aveva le occhiaie ed era triste ed io avrei voluto abbracciarlo. C'era una disperazione senza fondo in quel rituale. Non cercava di essere intonato ma gridava a chissà chi una sconfitta, un dolore che non sapeva portarsi dentro. Il reggaeton è sostanzialmente merda.
Sentirlo nelle orecchie è una specie di violenza alle proprie emozioni, ai propri sentimenti, alla vita. Un po' come quando ami e sei costretto a modulare questa incredibile e misteriosa emozione che ti attraversa sui percorsi immaginati da Gigi D'Alessio o dai Ricchi e Poveri. Anche l'amore diventa brutto, banale, stupido, il sesso, qualcosa di lurido, un atto veloce e sudato di un mezzo camorrista o di tre poveracci. Quattro se aggiungiamo l'aggravante di Marina Occhiena, che credo sia morta oramai. Detto questo, il reggaeton ha una sua variante gettonatissima che mi fa pensare alla morte più buia: le vocette modificate elettronicamente. Ti ricordi quell'effettaccio che Cher usò per la prima volta nella canzone "Live after love" (mi sa che si chiamava così)? Bene qui sembrano averlo scoperto da poco e ne abusano a tal punto che ci sono cantanti di cui non si conosce la voce reale.
Dico sul serio. Nella vita reale potrebbero avere anche la voce di Aldo Giuffrè ma nessuno lo sa.
Sembrano idioti fulminati in un microonde. Che cantano. Il reggaeton in generale dovrebbe essere proibito per legge. Non dà una bella immagine di Cuba. Mi dispiace dirlo ma è così.
I vari idoli del genere dovrebbero essere impiegati secondo le loro naturali inclinazioni: autisti d'autobus, buttafuori, monnezzari, lenoni, raccoglitori di lattine. Non è solo un problema di volgarità, che già basterebbe, ma il fatto che questi ceffi scavano e sguazzano in tutto ciò che la rivoluzione ha cercato di estirpare in decenni di lavoro: idiozia, materialismo, machismo, bullismo, pregiudizio e di nuovo idiozia.
Capisco che è un fenomeno ad uso quasi esclusivo delle classi più basse e incolte del paese ma capisco anche che somministrarglielo senza controllo mantiene quelle classi basse e senza futuro. Senza contare che poco a poco questo tipo di musica sta modificando il gusto di tutti gli altri. Quando iniziò ad andare in onda Drive In in Italia nessuno pensò che avrebbe guastato il gusto e la comicità di tutti. E ora ci troviamo a considerare Crozza uno bravo che fa ridere.
A Cuba si ballava anche prima del reggaeton.
C'erano la salsa, il merengue, la rumba, il mambo, il danzon.
C'erano cantanti e gruppi che conoscevano il senso del pentagramma, musicisti, gente che aveva per le mani strumenti reali e li sapeva usare.
Oggi questi quattro poveracci mettono una base elettronica, dicono due coattate piene di minacce verso qualche parigrado e fanno musica. Anche prima si era tristi, a volte disperati e soli, ma voglio pensare che avesse più profondità, più poesia forse, accompagnare le passeggiate nei propri baratri personali con una musica che non ti rubava l'anima.
E neanche quella del vicino che cerca di scrivere, santo dio.

_________________
"..non dovete esssere egoisti e pensare con la pinguita
dovete pensare il bene del populo cubano.."


i dettagli, gli possiamo lasciare a la fantasia di ognuno ..
avatar
mosquito
Admin

Messaggi : 16287
Data d'iscrizione : 25.04.12
Località : Bollo.gna
Carattere : el VIEJO puttaniere

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto


 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum